Riace: Rossi, “Salvini chieda scusa a Lucano”

riace
Enrico Rossi, e il sindaco di Riace Mimmo Lucano fra gli ospiti della 22esima edizione del Meeting

“La sentenza della Cassazione conferma che Mimmo Lucano è l’uomo pulito e generoso che tutti sapevamo e abbiamo conosciuto. A Riace né truffe, né illeciti, ma solo buon governo, visione, coraggio. Il ministro dell’Interno e dell’odio chieda scusa a Lucano e impari da lui cosa vuol dire integrare e rispettare la dignità delle persone”. Lo ha scritto su facebook il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

“Il dispositivo della Cassazione dopo l’udienza del 26 febbraio aveva già lasciato intendere che c’era un risvolto positivo per quanto riguarda le esigenze cautelari. Sono stato sospeso anche come sindaco e ho passato l’inverno a fare su e giù per fare testimonianze e ad aspettare un po” di luce”. Lo ha detto Domenico Lucano commentando  le motivazioni sulla sua vicenda rese note ieri della Cassazione. Domani è in programma l’udienza davanti al Gup di Locri a seguito del rinvio.

“Dal 2 ottobre – ha detto Lucano – sono stato prima ai domiciliari per 14 giorni e poi il Riesame mi ha dato l’obbligo di non andare a Riace. Intanto tutto il quadro accusatorio ancora deve finire perché la richiesta di rinvio a giudizio secondo me, da quello che ho potuto apprendere in questo periodo, non essendo a conoscenza degli aspetti giuridici, andrà avanti. Adesso dobbiamo aspettare domani per sapere se ci sarà il rinvio a giudizio. Alla fine io non ho mai detto, come accade in questi casi, ”sono innocente”. La cosa deve essere dimostrata da chi ha la competenza. Come ho sempre detto noi ci difendiamo nel processo, non dal processo”.

“Stamattina ho mandato un messaggio a Mimmo Lucano: io sono con lui da quando in pochissimi lo conoscevano e oggi sono contento. Ma la battaglia e’ ancora lunga”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dopo il deposito della sentenza della Cassazione relativo all’insufficienza di indizi a carico del sindaco sospeso di Riace, Mimmo Lucano. “Colpire lui significa fare un favore alla ‘ndrangheta – ha aggiunto l’ex Pm a margine del secondo forum nazionale sull’economia circolare a Napoli -. Lo Stato dovrebbe impegnarsi a debellare mafia e corruzione, non a colpire persone dal cuore grande, mente libera e tanto coraggio come e’ Mimmo Lucano e come sono tanti altri, quotidianamente colpiti perche’ vanno in direzione opposta rispetto al sistema”.

avatar