Russia. Yuri Guaiana

    Russia. Yuri Guaiana
    /

    L’attivista LGBT+ Yulja Tsvetkova accusata di violare la legge russa contro la cosiddetta “propaganda
    omosessuale” per aver disegnato una famiglia arcobaleno in solidarietà con una coppia dello stesso sesso era dovuta
    fuggire dalla Russia con i suoi due figli adottivi perché le autorità li avevano presi di mira. È stata anche accusata
    diffusione di immagini pornografiche dopo aver condiviso sui social media altri disegni a favore dell’inclusione. Yulja si
    trova agli arresti domiciliari da oltre 3 mesi e rischia fino a sei anni di reclusione. Il processo dovrebbe tenersi entro la
    fine di marzo. Il Moscow Community Center, un’associazione per i diritti LGBT+ a Mosca, e l’organizzazione internazionale
    per i diritti LGBT+ All Out si sono associati per lanciare una campagna globale per esortare le autorità russe a ritirare
    tutte le accuse contro Yulja Tsvetkova e di abrogare la legge contro la cosiddetta “propaganda omosessuale”.

    0 0 vote
    Article Rating
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments