Ven 19 Lug 2024

HomeToscanaPoliticaPnrr, Donzelli (FdI): "nessun definanziamento, stiamo riparando gli errori della Sinistra"

Pnrr, Donzelli (FdI): “nessun definanziamento, stiamo riparando gli errori della Sinistra”

 “Il governo ha chiarito in tutte le sedi che non si tratta di definanziamenti, ma di sostituzione della fonte di finanziamento, una strategia che la Sinistra ha dimostrato non essere in grado” dice l’on Giovanni Donzelli. la replica di  Fossi (PD): “Ha la coda di paglia”

“Il Pd toscano sta continuando a narrare di montagne di denaro che il ‘cattivo’ governo Meloni starebbe togliendo alla Toscana ottimamente governata dai ‘buoni e bravi piddini’. Ormai sono favolette a cui non credono nemmeno loro” lo afferma in merito alle polemiche sul cosiddetto ‘definanziamento’ del PNRR, l’on Giovanni Donzelli di FdI.

“La realtà è che stiamo salvando i finanziamenti dalla loro frettolosa superficialità” aggiunge Donzelli  he  invita il PD “ad assumersi le proprie responsabilità con una postura da uomini delle istituzioni e di non protrarre un comportamento da bambini all’asilo che giocano allo scaricabarile”.

Per Donzelli “il governo ha chiarito in tutte le sedi che non si tratta di definanziamenti, ma di sostituzione della fonte di finanziamento”, e “la sinistra, quando era al governo, aveva fatto una sostituzione della fonte di finanziamento, in quel caso da leggi nazionali al Pnrr”. Sostituzione, osserva ancora, “fatta frettolosamente per sbandierare cifre enormi sul Pnrr”, che “aveva costretto i singoli Comuni a oneri pesanti”.

“Come insegna la ben nota vicenda dello stadio di Firenze  interventi così costruiti potrebbero essere ancora una volta dichiarati inammissibili in sede di rendicontazione” ricorda ancora Donzelli. che conclude: “con una mossa irresponsabile, mascherata adesso da piagnisteo contro il governo Meloni,  avevano lasciato i rischi dei costi a carico dei soggetti attuatori. Fortunatamente la nostra serietà di governo consentirà, attraverso la sostituzione della fonte finanziaria, una più agevole rendicontazione, e quindi una possibilità vera di realizzazione”.

Secondo Donzelli, infine,  dal Pd “sono stati ancora più spregiudicati quando hanno dato i numeri sui definanziamenti alla sanità. Dopo i disastri delle gestioni Rossi e Giani che hanno creato i buchi nei bilanci delle Asl, il governo Meloni ha invece deciso di utilizzare i fondi non impegnati”. Per la Toscana “si tratta di circa 356 milioni di euro non programmati che, quindi, concorrono all’obiettivo del Pnrr. Non solo, il governo non toglie un euro alla sanità – conclude – ma accelera la spesa di risorse bloccate da anni di politiche sanitarie sbagliate”.

La replica del Pd non si è fatta attendere. . Giovanni Donzelli ha la coda di paglia. E per incendiarla é bastato rendere pubblici i numeri e i progetti che in Toscana rischiano di saltare per colpa dei tagli della Meloni al Pnrr. Capiamo l’imbarazzo per gli amministratori di centrodestra nell’ammettere che scuole e ospedali di comunità sono definanziati per colpa del loro governo. Ma questo non giustifica il loro silenzio e addirittura la difesa d’ufficio che oggi Donzelli porta avanti. La verità è sotto gli occhi di tutti: sono degli incapaci. E ciò che tagliano é soprattutto la sanità e l’istruzione pubblica. D’altra parte sono settori di cui la destra farebbe volentieri a meno. E su cui invece la nostra regione punta da sempre. Loro, che il Pnrr non lo avrebbero proprio voluto, scaricano la propria inefficienza su enti e comunità locali”. Così Emiliano Fossi, segretario del Pd toscano, risponde alla nota odierna di Giovanni Donzelli.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)