Ven 19 Lug 2024

HomeToscanaSocietàNuovo housing sociale nascerà dall'acquisto del complesso di Sant'Agnese da parte del...

Nuovo housing sociale nascerà dall’acquisto del complesso di Sant’Agnese da parte del Comune di Firenze

Firenze, il complesso di Sant’Agnese diventerà un housing sociale grazie all’aquisto del Comune dall’Asp Firenze Montedomini. Funaro: “Operazione a fini sociali e abitativi, che ci consente di riportare residenza in centro”.

Il comune comprerà dall’Asp Firenze Montedomini il complesso di Sant’Agnese per destinarlo all’housing sociale. Il consiglio di amministrazione di Montedomini si esprimerà quanto prima per dare il via ai primi passaggi formali di questa cessione. In seguito vi saranno degli adempimenti necessari da parte del Comune per chiudere l’operazione.

Secondo le ultime stime il valore del complesso è poco sopra i 3 milioni di euro. Nel complesso, che avrà destinazione sociale-abitativa, potranno essere realizzati circa 30 appartamenti con spazi comuni di socializzazione destinati ai cittadini che rientrano nella cosiddetta ‘fascia grigia’. In totale l’immobile possiede tre piani con un grande giardino interno ed una cappella cinquecentesca che custodisce pitture e sculture.

Complessivamente il Sant’Agnese ha una superficie di 2.500 mq e conta oltre 50 stanze oltre che spazi comuni. Stamani il complesso è stato oggetto di un sopralluogo da parte dell’assessore a Welfare Sara Funaro e del presidente dell’Asp Firenze Montedomini Luigi Paccosi. La struttura si trova al civico 79 di via Guelfa, accanto ad Indipendenza e via Nazionale. Anticamente ha ospitato sia la chiesa dei Padri Gesuati, detta Trinità Vecchia, sia più tardi le vedove senza figli di età superiore ai 40. Dagli anni ’60 l’ospizio divenne esclusivamente femminile fino alla sua chiusura.

Questa struttura, che fin dalle sue origini ha avuto una vocazione sociale, manterrà questa finalità: “L’obiettivo dell’amministrazione e di Montedomini è far fronte ai bisogni sociali e abitativi – ha detto l’assessore a Welfare Sara Funaro – con l’obiettivo di dare un servizio che dia risposte concrete ai cittadini, contribuendo a riportare la residenza nel centro storico. Il mantenimento nel Piano operativo comunale della destinazione d’uso residenziale, oltre che direzionale, è finalizzato proprio a questo scopo”.

“Le risorse che arriveranno dalla vendita del complesso – ha detto il presidente dell’Asp Firenze Montedomini Luigi Paccosi – le investiremo per valorizzare il nostro patrimonio e le strutture per i nostri anziani. Nel lavoro sinergico con l’amministrazione comunale i nostri obiettivi sono offrire servizi di qualità e fare in modo che i beni di Montedomini vengano valorizzati e continuino ad avere una vocazione sociale”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)