Negozi vuoti in centro a Firenze, in fila solo a grandi magazzini

negozi

Firenze, negozi riaperti nel centro storico ma, in assenza dei turisti, sono ancora pochi i clienti che entrano, con i fiorentini che preferiscono invece i grandi magazzini.

Code, seppur non molto lunghe, si registrano infatti dalla mattina solo davanti ai negozi di H&M, Zara e anche da Nespresso. Ancora chiusi i bar e Caffè della centralissima piazza della Repubblica con Gilli che dovrebbe riaprire sabato e Paszkowski che invece ancora non ha fissato una data certa. Continuano a restare chiusi gli orafi di Ponte Vecchio, che la settimana scorsa hanno protestato contro le misure del Governo.

A stamani non ha riaperto ancora il negozio della Apple che ha le vetrine oscurate con teli neri, mentre hanno riaperto Ferragamo, Gucci, Valentino, Dior, Fendi, Luisa Via Roma invece aprirà nel pomeriggio. Sempre oggi riapre anche il Museo Ferragamo.

Cartelli sulle vetrine assicurano la clientela che sono state svolte tutte le necessarie sanificazioni dei locali. Ferragamo, ad esempio, che ha già riaperto in Europa i negozi in Germania e Austria, spiega di aver “chiaramente recepito tutte le indicazioni dei Dpcm in termini di necessità di distanziamento tra colleghi e con i clienti. Inoltre, è stata svolta la sanificazione dei negozi e dell’aria condizionata”. Tra le misure previste, sottolinea ancora la maison, “i negozi sono provvisti di guanti, mascherine e gel sanificante per i clienti e il personale. I capi provati e gli eventuali resi resteranno in quarantena 24 ore prima di essere rimessi in vendita. A tutto il team del negozio di Firenze è stato inoltre fatto il test sierologico”.

Ai mercati all’aperto ora ci sono più banchi, non solo quelli alimentari, dei giorni scorsi e con loro anche più clienti. Riaprono anche i parrucchieri, che già registrano clienti di prima mattina, e le attività artigiane.

Per quanto riguarda i ristoranti nel centro storico che, come annunciato ieri dal gruppo Ristoratori Toscana, oggi non riapriranno. Maggiore presenza di passeggeri al momento sui mezzi pubblici che fino a oggi, pur con meno posti disponibili per rispettare il distanziamento, non hanno mai veramente viaggiato a pieno carico.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments