Mer 24 Lug 2024

HomeCultura & SpettacoloCinemaMiddle east now venerdì 13 aprile al Cinema La Compagnia

Middle east now venerdì 13 aprile al Cinema La Compagnia

Tra gli eventi principali di venerdì 13 aprile al Cinema la Compagnia: alle 20.45 l’anteprima europea di “The Unknown Sweet Potato Seller” alla presenza della star egiziana Tara Emad, alle 21 l’anteprima italiana di “Before Summer Ends”, alle 22.30 l’ultimo film del Focus su Annemarie Jacir “When I Saw You”

La serata si apre alle 20.45 con l’anteprima europea di The Unknown Sweet Potato Seller” (Egitto, 2017) di Roshdy Ahmed, introdotto dall’attrice e modella egiziana Tara Emad: cortometraggio realizzato in animazione rotoscopica ispirato all’omicidio di un bambino che vendeva patate dolci, realmente accaduto durante la rivoluzione egiziana.

A seguire, alle 21.00 la prima alla presenza della regista Maryam Goormaghtigh di “Before Summer Ends” (Francia, Iran, 2017), commedia che mescola documentario e finzione, con protagonisti tre giovani iraniani appena laureati alle prese con un viaggio nel sud della Francia.

Torna la regista Annemarie Jacir, protagonista del Focus cinema di questa edizione, con la proiezione di “When I Saw You” (Palestina, Giordania, Grecia, 2012) alle 22.30, film vincitore del premio NETPAC Critics Award for Best Asian Film al 63° Berlin International Film Festival e nominato agli Oscar 2012, che racconta la storia del piccolo Tarek, che, dopo l’occupazione militare della Cisgiordania e di Gaza da parte dell’esercito israeliano nel 1967, trova ospitalità nel campo di Harir in Giordania, dove è spinto a una forte presa di posizione dall’incontro con un gruppo clandestino di combattenti palestinesi.

Tra gli altri film in programma: l’anteprima italiana di “Wall” di Moran Ifergan (Israele, 2017) alle 16.30, che mette in scena la personalissima storia del divorzio della regista, visto dal più grande confessionale del mondo, il Muro del Pianto a Gerusalemme; alle 17.45 Rope” di Azaar Manssori (Kurdistan, 2017) animazionemetaforica sui concetti di paura e sottomissione, che si rigenerano a vicenda; seguito dalla prima italiana di “Mirrors of Diaspora” di Kasim Abid (Iraq, Regno Unito, 2017) sull’esilio, l’alienazione, i ricordi, la creatività, l’identità della propria patria, attraverso le vite di sette artisti iracheni coinvolti nella diaspora da più di quarant’anni.

Inoltre, l’incontro IL PUNTO DELLE 19.30 – #TUNISIA: eccezione mediterranea, con Leila El Houssi, docente di Storia dei paesi islamici presso l’Università Padova e di Storia del Medio Oriente presso l’università di Firenze, e Renata Pepicelli, docente di Storia dei paesi islamici e Islamistica all’Università di Pisa, che dialogheranno sulla rivoluzione tunisina e le sue conseguenze: giovani e donne in primo piano.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)