Massa: sgominata banda specializata in truffa “abbraccio”

Derubavano anziani 90enni dei loro portafogli, catenine, bracciali e orologi, fingendosi amici dei figli, o vecchie conoscenze e abbracciandoli. Per tre persone sono scattate le misure cautelari: un arresto in carcere e due divieti di dimora in provincia di Massa Carrara.

Si chiama appunto “abbraccio” l’operazione dei carabinieri di Massa, coordinata dalla procura apuana, che ha scoperto il team di truffatori, due uomini (di cui uno finito in carcere) e una donna: 20 i casi accertati con bottini consistenti, tra cui un orologio da 14mila euro, sfilato a un anziano che se ne è accorto soltanto dopo molte ore.

Le vittime che i tre rapinatori sceglievano erano soltanto anziani residenti in piccoli paesi della provincia. I tre malfattori ne controllavano i movimenti e li adescavano quando erano da soli fingendosi vecchi amici di parenti, o persone che avevano eseguito per loro lavori in casa. Tra chiacchiere, baci e soprattutto con una tecnica perfetta di abbracci ripetuti, riuscivano a confonderli e a sfilargli l’oro dal collo, o dai polsi, senza che se ne accorgessero. I carabinieri, dopo alcune denunce e segnalazioni, hanno iniziato a seguire gli spostamenti dei tre, residenti a Sarzana, e chiuso il cerchio attorno a loro dopo sei mesi di indagini. Ai tre è stato contestato il reato di furto con strappo con circostanze aggravanti.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments