Mar 18 Giu 2024

HomeToscanaAmbienteMaltempo: case inagibili in Versilia, a Livorno pianta cade e blocca bretella...

Maltempo: case inagibili in Versilia, a Livorno pianta cade e blocca bretella autostradale

Maltempo –  Numerosi i danni causati agli edifici dal maltempo a Livorno e nella provincia, soprattutto per le violente raffiche di vento dal mare durate dalla notte scorsa mentre un albero è caduto sulla bretella che porta all’autostrada A12 bloccando l’intera carreggiata.

I vigili del fuoco lavorano senza sosta su piante cadute, rami pericolanti, cornicioni ed intonaci, danni da acqua. Ci sono persiane e finestre pericolanti nel capoluogo e in tutta la provincia a causa dello sbatacchiamento causato dal vento.

Continua l’assistenza dei vigili del fuoco alla popolazione della Versilia dopo il fenomeno metereologico che lunedì sera ha colpito in particolare Torre del Lago. Ci sono 10 case dichiarate inagibili e circa una trentina di persone che hanno trovato alloggio da amici e parenti o sono state assistite dalla protezione civile. Al momento squadre con 31 vigili del fuoco stanno lavorando nell’area interessata dai danneggiamenti causati dal meteo. L’unità di comando locale sul posto ha ancora un elenco di 20 interventi da effettuare.

Case ed edifici dichiarati inagibili a Viareggio (Lucca) a causa del maltempo, che ha scoperchiato tetti e danneggiato strutture, hanno causato l’evacuazione di oltre 20 persone, fra cui bambini e anziani. Il sindaco Giorgio Del Ghingaro rende noto che “otto persone che erano in una pensione dichiarata inagibile, sono al Marco Polo, dormitorio straordinario per l’emergenza freddo; una famiglia di cinque persone, con due minori e tre adulti (genitori più il fratello della mamma) sono ospitati da parenti, così come una coppia di due persone anziane; una mamma col figlio seguiti dall’ufficio sociale del Comune sono ospitati in albergo”. Inoltre, riferisce sempre il sindaco, “poco fa è stata dichiarata inagibile un’altra casa con sette persone, delle quali tre hanno trovato sistemazione autonoma e le altre quattro saranno ospitate al dormitorio”. “Nonostante il vento a tratti molto forte, sono continuati i lavori di ripristino delle strade e degli edifici danneggiati – conclude – Su consiglio dei Vigili del Fuoco sono stati tagliati alcuni alberi che potevano divenire pericolosi e tolto quelli che ostruivano le carreggiate”, infine “i vari allagamenti sono rientrati, così come il livello del canale Burlamacca”.

Lievi danni e diversi interventi a Calenzano (Firenze) in seguito all’ondata di maltempo che si è verificata tra domenica 29 e lunedì 30 ottobre. Lo rende noto il Comune. Le forti piogge della serata di ieri, spiega una nota, hanno causato l’afflusso di detriti su via della Collina di sopra a Legri e sulla provinciale di Legri, anche a causa della rottura dell’argine di un fosso privato che dovrà essere sistemato a cura dei proprietari. A Carraia, in via di Torri e Ciarlico, sono stati abbattuti due alberi pericolanti: uno dai volontari della Vab e uno, all’interno del fosso di Torri, dal Consorzio di bonifica su indicazione del Comune. I forti venti nella notte scorsa hanno provocato la caduta di una parte di un pioppo cipressino sul retro del plesso don Milani, che ha danneggiato un corrimano della scala antincendio esterna e una grondaia. L’albero era stato monitorato dagli uffici comunali ed era previsto l’abbattimento nel mese di novembre: l’intervento sarà effettuato nei prossimi giorni sulla restante parte della pianta. Nel weekend, inoltre, le squadre di Protezione civile sono intervenute nelle strade collinari per la pulizia dei fossetti dai detriti, anche in seguito alla precedente ondata di maltempo della settimana scorsa. “Un ringraziamento ai volontari della Protezione civile – sottolinea il vicesindaco Alberto Giusti con delega alla protezione civile – e al personale del Comune per essersi attivati tempestivamente sulle varie problematiche. A breve ci sarà una nuova campagna di prevenzione dei rischi in vista della stagione invernale, in collaborazione con la Vab di Calenzano”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)