Maggio musicale: arriva Pereira, dalla Scala dice sì a Firenze

ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Alexander Pereira, sovrintendente uscente del Teatro della Scala di Milano, avrebbe accettato la proposta per diventare nuovo nuovo sovrintendente del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. E’ quanto si apprende a Firenze dove l’Ansa riferisce che la trattativa tra il sindaco Dario Nardella e lo stesso Pereira si sarebbe conclusa positivamente con l’accettazione dell’incarico. Pereira succede, dopo un breve periodo di vacatio, a Cristiano Chiarot, che ha lasciato Firenze anche con polemiche legate proprio ai nuovi assetti della Fondazione.

“Sembra calciomercato”. Così poco meno di 24 ore fa il sindaco di Firenze Dario Nardella aveva commentato i rumors sul possibile nuovo sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino. Voci che, da Milano, davano in arrivo a Firenze, Alexander Pereira, sovrintendente uscente della Scala, posizione vacante da quando Cristiano Chiarot ha annunciato per settembre l’addio, in un momento di forti polemiche per la decisione del sindaco Dario Nardella di nominare presidente del teatro Salvo Nastasi, ex vicesegretario della Presidenza del Consiglio dei ministri, a lungo direttore dello spettacolo dal vivo del ministero dei Beni culturali. Una decisione per cui si è dimesso anche il direttore musicale Fabio Luisi.

L’accordo tra Pereira e Nardella, che è presidente della Fondazione del Maggio, è stato raggiunto in queste ore mentre il sindaco di Firenze si trova a Roma. Ora che la trattativa è andata a buon fine, la nomina di Alexander Pereira deve essere formalmente espressa e definita alla prossima riunione del consiglio di indirizzo della fondazione del Maggio, che risulterebbe fissata il 6 settembre. Si tratta di un nuovo consiglio che ancora non è stato completato nelle nomine dei suoi membri per cui è necessario che prima della riunione sia completato il board dei consiglieri per poter affrontare la scelta del nuovo soprintendente.

La nomina di Pereira, una volta decisa dal consiglio di indirizzo, poi deve essere proposta al ministro dei Beni culturali per la ratifica. E’ un atto che il ministero può fare in ordinaria amministrazione.

Intanto il comune ha nominato ieri Antonella Mansi vicepresidente per l’organizzazione di Confindustria nazionale, come membro dell’amministrazione nel consiglio di indirizzo.

avatar