Lock Down, Firenze: almeno 350 mld danni turismo

Il turismo in estate a Firenze avrà da una parte una contrazione della domanda del 31% con una stima di 985mila pernottamenti in meno (di cui 900mila stranieri), dall’altra uno sforzo degli operatori che al 76% ripartiranno.

Tutto questo mentre l’emergenza sanitaria ha provocato ad oggi alle imprese un danno di circa 350 milioni di euro, con 960mila turisti in meno arrivati nelle strutture rispetto al 2019 e una perdita di 2,6 mln di pernottamenti.
Questi i dati raccolti dal Centro studi turistici su un campione di strutture ricettive cittadine. Per quanto riguarda l’estate le strutture ricettive che rimarranno chiuse saranno comprese tra 450 e 500, condizionate dal timore di non riuscire a coprire i costi di gestione. Queste scelte stanno portando effetti anche a livello occupazionale: si stima che ad oggi siano circa 1.900 gli addetti (sia fissi che stagionali) che non lavorano.

Nonostante tutto, si precisa nel report, nessuna struttura ha dichiarato un aumento delle tariffe. Intanto l’assessore al turismo Cecilia Del Re ha scritto una lettera che sarà inviata alle categorie rappresentative degli albergatori fiorentini affinché possano inoltrarla ai visitatori che hanno disdetto le prenotazioni con un “invito a tornare”. “La città oggi si è risvegliata – ha scritto Del Re nella lettera, rivolgendosi direttamente ai turisti – ed è pronta ad accoglierti in tutta sicurezza e con un sentimento di pace speciale da vivere. Per questo, se tornerai entro marzo 2021, vorremmo rendere il tuo soggiorno ancor più speciale offrendoti l’accesso gratuito alle torri e porte di Firenze o altra iniziativa promossa dalla direzione cultura nell’ambito delle visite al patrimonio monumentale cittadino”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments