Dom 21 Lug 2024

HomeToscanaCronacaKata: ispezione del consulente della famiglia in ex Astor

Kata: ispezione del consulente della famiglia in ex Astor

Kata  – ispezione i nell’immobile dell’ex hotel Astor di via Maragliano a Firenze, da cui il 10 giugno scorso è scomparsa Kata, la bimba peruviana di 5 anni. Intorno alle 10:30 la mamma Kathrine Alvarez è entrata nell’immobile con i suoi legali. Con lei è arrivato anche l’ex generale del Ris Luciano Garofano, ingaggiato come consulente dai legali dei genitori della piccola.

Entrando nell’ex Astor l’ ex generale del Ris Luciano Garofano ha spiegato che “si entra oggi insieme alla mamma e al papà per avere delle indicazioni visto che quando abbiamo fatto il sopralluogo, la mamma e il papà non sono stata autorizzati quindi conoscendo bene la disposizione delle stanze, quelli che erano i movimenti all’interno, possono darci delle informazioni importanti. Questo è quello che oggi noi faremo”.

Rispondendo a chi gli ha chiesto se si aspetti di trovare ulteriori elementi utili per gli investigatori, Garofano ha detto “certo, assolutamente sì, per questo noi entriamo e rifletteremo insieme a loro”, insieme ai genitori di Kata. Garofano ha poi precisato di non avere “il potere di cercare tracce o alterare la scena di un ipotetico crimine. Noi non abbiamo questo potere, lo farà la polizia giudiziaria, noi possiamo riflettere insieme alla mamma rispetto a un evento sul quale la mamma per la conoscenza dei movimenti di Kata, dei parenti e delle persone che abitavano all’interno possono darci delle indicazioni su quello che rimane un mistero: è uscita, non è uscita, è ancora lì dentro. Da questo punto di vista valuteremo queste riflessioni”. Nell’ex albergo è arrivato anche il papà di Kata.

E’ terminato dopo due ore all’ex hotel Astor il sopralluogo dell’ex comandante del ris Luciano Garofano consulente dei genitori di Kata, la bimba scomparsa il 10 giugno dall’immobile abusivamente occupato. “Non eravamo qui per le vie di fuga ma per altri particolari che porteremo alla procura – ha spiegato Garofano -. Poi gli inquirenti decideranno se ascoltare nuovamente i genitori della bimba”. Anche l’avvocato Filippo Zanasi che rappresenta insieme alla collega Sharon Matteoni i genitori della bimba ha detto: “Siamo soddisfatti per gli elementi importanti che sono stati raccolti”. La mamma della piccola scomparsa, parlando con i giornalisti, ha detto: “Ho ricordato particolari che non vi posso dire”

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)