JR a Palazzo Strozzi con “La Ferita”

JR
©Controradio
JR a Palazzo Strozzi con "La Ferita"
/

Firenze, dal 19 marzo 2021, Palazzo Strozzi cambierà volto attraverso l’intervento di JR, uno degli artisti contemporanei più celebri al mondo, chiamato a reinterpretare la facciata di uno dei simboli del Rinascimento a Firenze attraverso una nuova installazione site specific dal titolo “La Ferita”, che proporrà una suggestiva riflessione sull’accessibilità ai luoghi della cultura nell’epoca del Covid-19.

JR utilizza il collage fotografico come tecnica caratteristica del suo stile, esploso nella dimensione dell’arte pubblica nelle città di tutto il mondo. Come afferma lo stesso artista: “Ho la più grande galleria d’arte immaginabile: i muri del mondo intero”. La sua ricerca unisce originalità e appropriazione, sempre distinguendosi per una forte connotazione pubblica e di partecipazione che lo ha portato a creare opere di grande impatto visivo e coinvolgimento in luoghi e contesti sempre diversi, dalle favelas di Rio de Janeiro alla
grande piazza della Piramide del Louvre, da Ellis Island a New York alla prigione di massima sicurezza di Tehachapi in California.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi.

Direttore Galansino il comunicato di Palazzo Strozzi parla di un intervento di JR,  chiamato a reinterpretare la facciata di uno dei simboli del Rinascimento a Firenze attraverso una nuova installazione site specific dal titolo “La Ferita”, di cosa si tratta?

JR è uno dei più importanti artisti viventi, sicuramente uno dei più conosciuti per le cose eclatanti che ha fatto in giro per il mondo insomma, possiamo definirlo uno street artist in un certo senso, anche se questa definizione gli andrebbe stretta, lui si definisce un ‘photographer’ ovvero uno che tratta dai graffiti alla fotografia, per riempire i muri di tutto il mondo, che sono come dice lui la sua galleria, la più grande che esiste, appunto, utilizza una tecnica che parte proprio dalla fotografia, quindi praticamente le sue installazioni sui muri sono delle specie di grandi fotografie espanse.

Direttore, immagino che non vogliate svelare più di tanto prima della conferenza stampa ufficiale, ma qualche cosina ce l’ha ce l’ha può anticipare, cosa vedremo sulle pareti esterne di Palazzo Strozzi?

L’artista non anticipa mai i suoi progetti, questa è una so metodo di lavoro, ma basta andare adesso in Piazza Strozzi a vedere la mole dell’impalcatura che è montata adesso, dove stanno lavorando tanti operai per realizzare questa installazione in tempi rapidi per il 19 di marzo, per capire la dimensione, si tratta di qualcosa di molto grande.

Ma al di là delle dimensioni e al di là della forma estetica credo che sia importante anche il metodo di lavoro di Palazzo Strozzi in questa occasione come anche Io purtroppo in questa occasione come anche nel recente passato, nella mostra di Marina Senatore, ovvero quello di e volere dare qualcosa alla città di Firenze colpita, più di qualsiasi altra città forse in Italia, da questa situazione gravissima crisi di pandemia, di crisi economica, dalla mancanza di turisti e visitatori, e daltra parte il titolo ‘La Ferita” allude proprio a questo e poi capirete perché”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments