Ires-Cgil: per inflazione crolla potere d’acquisto famiglie Toscana

Ires-Cgil: per inflazione crolla potere d'acquisto famiglie Toscana
/

E’ stato presentato oggi lo studio di Ires Toscana sugli effetti dell’inflazione sulle tasche dei cittadini toscani: secondo i dati il potere d’acquisto di 1,2 milioni di lavoratori dipendenti crollerà di 1870€ annui, il costo dell’energia aumenterà del 116% e quello dei beni alimentari del +10%, mentre la rata media dei mutui subirà un incremento di 218€.

I dati dello studio di Ires Toscana per la Cgil presentato oggi a Firenze delineano una situazione preoccupante: l’inflazione in Toscana determinerà un crollo del potere d’acquisto per i lavoratori dipendenti da 1.870 euro annui in media nel 2022, a causa soprattutto del boom dei costi per l’energia (+1.560 euro). Il conflitto tra Russia e Ucraina ha determinato una maggiore incertezza su investimenti e consumi, situazione che è peggiorata con il conseguente aumento dell’energia.

“E’ una situazione che penalizza molto di più i redditi medio-bassi e il lavoro dipendente”, ha affermato Gianfranco Francese, presidente di Ires Toscana.
“I dati parlano chiaro”, ha detto Dalida Angelini, segretaria generale della Cgil Toscana, annunciando la partecipazione alla manifestazione dell’8 ottobre a Roma. “Ad aprile scorso avevamo proposto una 14/a mensilità per i lavoratori: oggi siamo a dire che una sola mensilità non è sufficiente”.

Il sindacato rilancia proposte tra cui “l’aumento di stipendi e pensioni; l’introduzione del salario minimo e una legge sulla rappresentanza; il superamento della precarietà; una vera riforma del fisco; garantire e migliorare una misura universale di lotta alla povertà, come il reddito di cittadinanza; la sicurezza nei luoghi di lavoro; un tetto alle bollette; un piano
per l’autonomia energetica fondato sulle fonti rinnovabili”.

A rendere ancora più difficile il quadro delle famiglie a basso reddito in Toscana, secondo Ires, c’è poi l’incremento, superiore all’inflazione totale, del costo dei generi alimentari, stimata a settembre intorno al 10,5%. Per
una famiglia composta da due adulti e due bambini, con una spesa mensile per generi alimentari pari a 500 euro nel 2021, lo stesso paniere di beni costa 52,5 euro in più a settembre 2022. La fine della politica monetaria espansiva da parte della Bce, ed il conseguente doppio aumento dei tassi di riferimento a luglio e settembre 2022, rendono molto più difficile e costoso
per le famiglie l’accesso al credito prima casa.

A fine settembre il tasso medio praticato dalle maggiori 15 banche presenti sul territorio regionale per un mutuo prima casa a 30 anni, con importo richiesto pari ad euro 200 mila e Ltv pari all’80%, risulta essere del 3,60%, contro l’1,51% medio del primo trimestre 2022. In termini monetari, si tratta di un aumento pari a 218 euro della rata media mensile.

“Ormai i rincari costano ai cittadini più di uno stipendio – ha affermato Luca D’Onofrio, presidente di Federconsumatori Toscana -, rischiamo l’acuirsi di un conflitto sociale che sta montando, la situazione è complicata, il Governo ha il compito di rimettere liquidità in tasca ai cittadini e con l’autorità dell’energia occorre intervenire sull’aumento delle bollette”.

L’intervista a Luca D’Onofrio, presidente di Federconsumatori Toscana.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments