Inchiesta Open: riesame, usata come articolazione di partito

Lo sostiene il riesame di Firenze nell’ordinanza che rigetta il ricorso contro sequestri di documenti e computer del 26 novembre 2019 all’imprenditore Marco Carrai, indagato per finanziamento illecito ai partiti.

Fondazione Open “appare aver agito, a prescindere dal suo scopo istituzionale, quale articolazione di partito”. Lo sostiene il riesame di Firenze nell’ordinanza che rigetta il ricorso contro sequestri di documenti e computer del 26 novembre 2019 all’imprenditore Marco Carrai, indagato per finanziamento illecito ai partiti. Per il riesame l’uso della fondazione come “articolazione di partito” da cui l’accusa di finanziamento illecito a Carrai – che era membro del cda Open – emergerebbe pure da documenti sequestrati all’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente di Open indagato nell’inchiesta. Il riesame sottolinea come emerga il ruolo di Carrai quale socio di due società in Lussemburgo tra loro collegate, una finanziata da italiani anche finanziatori di Open. Inoltre per i giudici emerge “un’intromissione” di Carrai “nell’adempimento dell’incarico professionale affidato all’avvocato Bianchi dal gruppo Toto”. Pertanto, si conclude, perquisizione e sequestri sono legittimi poiché necessari per “ricostruire i rapporti di indagati Carrai e Bianchi coi finanziatori di Open”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments