Immigrazione illecita, 16 misure cautelari

scomparsa - movente

La Polizia sta eseguendo 16 misure cautelari nell’ambito di un’inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, su un’organizzazione che favoriva l’ingresso o la permanenza di stranieri in Italia, “dietro illecita remunerazione”.

Gli agenti stanno eseguendo le misure – emesse dal gip presso il Tribunale del capoluogo lucano – nelle province di Potenza, Milano, Firenze, Foggia e La Spezia. Nell’inchiesta sono indagate 56 persone, sia italiane sia straniere. Sono coinvolti, in particolare, vari imprenditori agricoli dell’area del Vulture-Melfese, in Basilicata, e cinque aziende agricole sono state sottoposte a sequestro preventivo.

Prezzo di partenza per un permesso di soggiorno in Italia di nove mesi, cinquemila euro: ma si poteva scendere fino a 1.500, “in base al numero di richieste o di rapporto personale o di parentela”: è il prezzario stabilito dalla “filiera” specializzata nel far entrare e soggiornare immigrati in Italia, sgominata oggi dalla Polizia, con 16 persone finite agli arresti domiciliari e 56 indagati nel Potentino e nelle province di Milano, Firenze, Foggia e La Spezia. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza, sono cominciate nel 2018, dopo una segnalazione del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato.

La “filiera criminale” operava da tempo (sette o otto anni, secondo i primi
risultati degli accertamenti) per regolarizzare la posizione di cittadini stranieri in Italia, che così, forniti di permessi di soggiorno regolari, potevano circolare liberamente nell’Unione Europea, al punto che molti, alla fine, partivano per
raggiungere familiari o amici in Francia e Germania. L’organizzazione funzionava su due piani: i “facilitatori”, che operavano nel Potentino, a Firenze e a Milano; e i titolari di alcune aziende agricole nel Potentino e in provincia di Foggia (il gip ha disposto il sequestro di cinque aziende). Ottenuto un contratto di lavoro – fittizio e da rescindere quasi subito – l’immigrato otteneva il permesso di soggiorno: a causa della farraginosità degli scambi di informazioni, farla franca era quasi scontato.

Il sistema è stato giudicato dal Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio, “così efficiente che per anni ha funzionato in modo indisturbato”: in pochi mesi di indagine, sono emersi circa “40 casi di favoreggiamento illegale dell’immigrazione”, con 56 indagati. Lo stesso Curcio ha sottolineato il pericolo che le procedure seguite dalla “filiera” potessero essere utilizzate per far entrare in Italia criminali o terroristi.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments