Sab 13 Apr 2024

HomeToscanaCronacaHollberg: 'Firenze è diventata una meretrice' , bufera su direttrice Accademia

Hollberg: ‘Firenze è diventata una meretrice’ , bufera su direttrice Accademia

Protesta la vicesindaca Alessia Bettini, mentre Renzi chiede le dimissioni. La direttrice: “Mi dispiace, non volevo offendere Firenze”

“Una volta che la città è diventata meretrice, sarà difficile farla tornare vergine. Se non si mette adesso un freno assoluto, non vedo più speranza” sono queste le parole pronunciate oggi da Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell’Accademia, parlando del  turismo. Parole che hanno subito scatenato una polemica.

La vicesindaca e assessora alla Cultura Alessia Bettini ha replicato definendo “deliranti” le dichiarazioni di Hollberg. “Definire Firenze una prostituta è l’offesa più grave mai sentita da una persona, che peraltro ricopre un ruolo istituzionale così rilevante – aggiunge -. Per la direttrice del museo dunque i fiorentini sarebbero figli di una meretrice e i turisti clienti di una meretrice? Hollberg offende la storia di Firenze, dove ha lavorato, offende il lavoro di migliaia di persone e soprattutto offende i fiorentini, proprio lei che, da non fiorentina, a Firenze deve moltissimo. Mi auguro che torni indietro sui suoi passi e chieda scusa per un’accusa così infamante”.

“Definire Firenze una meretrice credo sia un’offesa di una gravità inaudita verso tutti i fiorentini. Firenze dà lavoro a migliaia di persone, anche alla direttrice Hollberg. Credo ci voglia rispetto per la storia della nostra città e la nostra comunità. Ha fatto bene la vicesindaca Bettini a rispondere”. Lo sostiene il sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Presenterò al ministro Sangiuliano una interrogazione sulle frasi vergognose della direttrice della Galleria dell’Accademia, Cecilie Hollberg. Definire Firenze una meretrice è inaccettabile. La Hollberg deve scusarsi o dimettersi”. Lo dichiara in una nota il senatore di Italia Viva Matteo Renzi.

“Reputo gravi e offensive la parole della direttrice della Galleria dell’Accademia, Cecilie Hollberg su Firenze. Firenze è una meravigliosa città che rappresenta una parte rilevante della nostra identità e storia nazionale. Offenderla significa colpire tutta l’Italia e i nostri sentimenti. La direttrice Hollberg, nominata dal mio predecessore, rappresenta lo Stato e il patrimonio italiano e non può adoperare questo linguaggio. Valuterò, alla luce della normativa vigente, tutte le iniziative del caso”. Lo dichiara il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.

“Mi dispiace aver usato le parole sbagliate, lungi da me offendere qualcuno, tantomeno i fiorentini che come me vivono quotidianamente questa città. Una città che amo, che ha ricambiato tutto il mio affetto e che ormai è la mia casa. Quello che intendevo dire è che Firenze deve essere testimone per tutta Italia di un turismo sempre più consapevole, non mordi e fuggi”. È quanto precisa, in una nota, Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell’Accademia di Firenze, riguardo alle sue dichiarazioni di stamattina. “Noi – aggiunge Hollberg – con la Galleria dell’Accademia di Firenze abbiamo cercato di concentrare tutte le nostre energie, come raccontato anche stamani in conferenza stampa, nel far sì che il museo diventasse di tutti e valorizzasse ogni sua parte straordinaria, non fermandosi alla visita solo per ammirare il David ma tutti i suoi capolavori”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"