Giga Grandi Cucine, nuova procedura licenziamento per 38 dipendenti

Giga Grandi Cucine

Scandicci, è stata aperta una nuova procedura di licenziamento collettivo per i 38 dipendenti della Giga Grandi Cucine di Scandicci che si conclude il 20 settembre.

Secondo la Fiom-Cgil di Firenze, Prato e Pistoia, l’atto di Giga Grandi Cucine “è in antitesi con l’accordo del 2 febbraio scorso che impegna tutte le parti firmatarie alla reindustrializzazione fino al 15 agosto e al piano di continuità occupazionale fino al 31 dicembre, dopo che nell’ottobre 2021 era stata aperta la procedura per cessazione dell’attività“.

“Come un fulmine a ciel sereno venerdì 8 luglio è stata riaperta una nuova procedura di licenziamento collettivo che si conclude il 20 settembre, in antitesi con quanto sottoscritto in precedenza. Giga Grandi Cucine per conto di Confindustria Firenze si rende protagonista di un atto antisociale e incomprensibile – accusa il sindacato in una nota – contro i lavoratori e lavoratrici e contro gli accordi firmati e sottoscritti da tutte le parti”.

Giga Grandi Cucine occupa ad oggi 38 dipendenti nello stabilimento di Scandicci. Nell’ottobre 2021 è stata aperta la procedura per cessazione dell’attività. È iniziata una lunga trattativa in sede ministeriale e regionale che ha visto la sottoscrizione di un accordo il 2 febbraio. L’accordo impegna tutte le parti firmatarie alla reindustrializzazione fino al 15 agosto e al piano di continuità occupazionale fino al 31 dicembre. L’ammortizzatore sociale previsto e approvato dal Ministero del Lavoro è la cassa d’integrazione straordinaria per cessazione.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments