Giani, possibile stato calamità per parte Toscana

giani

Firenze, “Se la siccità continua a questi livelli, se le temperature arrivano a 39 gradi come oggi, anche noi saremo costretti a dichiarare lo stato di calamità per parte del territorio della Toscana”. Lo ha detto Eugenio Giani, presidente della Regione, a margine della presentazione dell’ecosistema ‘The’ oggi a Firenze.

“Oggi si riunisce l’Osservatorio – ha spiegato Giani – che è l’organo competente per darci delle indicazioni tecniche, e sulla base di queste indicazioni in Giunta prenderemo le nostre decisioni”.

Secondo Giani “la Toscana si presenta in una situazione differenziata rispetto ad altre regioni: è il motivo per cui finora non è stato dichiarato lo stato di calamità. Ma è chiaro che vi sono parti di Toscana che hanno condizioni molto problematiche che lo giustificano. Altre hanno una situazione migliore, semplicemente perché in passato abbiamo fatto le cose, a differenza di tanti altri: pensate a cosa significano quei 70 milioni di metri cubi d’acqua che è in grado di contenere il lago di Bilancino, per poi renderli gradualmente consentendo di evitare che l’acquedotto e Mantignano e all’Anconella si blocchi come avveniva una trentina d’anni fa perché l’acqua dell’Arno non era più utilizzabile”.

Questo, ha concluso il governatore, “deve far riflettere: occorre avere lungimiranza nel fare opere che magari sono contrastate da quello o quell’altro”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments