Furto in casa Paolo Rossi: ipotesi banda organizzata

Paolo Rossi
PAOLO ROSSI

Una banda organizzata, non un ladro per così dire occasionale, avrebbe messo a segno, con ogni probabilità, il furto nella casa di Paolo Rossi a Bucine (Arezzo) mentre a Vicenza si tenevano i funerali.

Il furto in casa di Paolo Rossi proprio mentre si svolgevano i funerali del campione, sarebbe opera di una banda organizzata. E’ quanto ipotizzano i carabinieri di Arezzo che oggi hanno svolto una serie di accertamenti nella tenuta di Rossi, immersa nella campagne di Poggio Cennina, presidiando la villa del giocatore dove tra l’altro sempre oggi c’è chi ha portato fiori e maglie lasciandole al cancello.

Da quanto emerso chi ha agito non avrebbe lasciato impronte. Due o forse tre i mezzi con cui i malviventi sarebbero arrivati sul posto come indicherebbero alcune testimonianze di persone che hanno notato movimenti di auto. Riguardo al bottino, secondo un primo inventario, dalla casa sarebbe sparito il Rolex indossato abitualmente da Paolo Rossi, 150 euro e forse qualche gioiello di non ingente valore: cimeli ed altro sono conservati
altrove in sicurezza proprio per precedenti furti avvenuti in zona.

Intanto il sindaco di Bucine Nicola Benini, parlando con i giornalisti, si è detto sconvolto per quanto avvenuto, proprio nel momento in cui il paese si prepara ad omaggiare Paolo Rossi
con una cerimonia che si terrà in settimana, e a dedicargli lo stadio locale. “Rossi era amico di tutti qui, potevi trovarlo dal macellaio, al bar, in qualche cena pubblica – dice Benini -.
Mi ha scritto stamani la moglie Federica sottolineando come non vuole che questo possa rovinare il fiume di affetto e amore formatosi intorno a Paolo.

Per tale motivo anche noi lo ricorderemo ma senza decretare il lutto cittadino proprio per ricordarlo come un uomo solare e pieno di umanità. Spero comunque che prendano i banditi al più presto”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments