France Odeon 2022 apre con il film “Maestro(s)”

Il film Maestro(s), storia di due direttori d’orchestra, padre e figlio, apre France Odeon  venerdì 28 ottobre. Musicisti, compositori e direttori sul palco del Cinema la Compagnia per osservare un minuto di silenzio in memoria del M° Kerpatenko

Maestro(s) di Bruno Chiche, storia di due direttori d’orchestra, padre e figlio, interpretati da Pierre Arditi e Yvan Attal (Bim Distribuzione), è il film di apertura della 14° edizione di France Odeon. La professione del direttore d’orchestra è stata sbattuta tragicamente in prima pagina dalle atrocità della guerra con l’assassinio del Maestro Yuriy Kerpatenko. A seguito di questo ennesimo drammatico crimine di guerra commesso dalle forze di occupazione russe in Ucraina, il Festival ha deciso di dedicare la cerimonia di apertura e la proiezione del film alla memoria del direttore della Filarmonica di Kherson.  Prima del film alcuni musicisti, compositori, direttori d’orchestra e allievi del Conservatorio testimonieranno il loro cordoglio osservando un minuto di silenzio sul palco del cinema La Compagnia.

Hanno già confermato la loro presenza le delegazioni dell’Orchestra della Toscana e del Conservatorio Cherubini, quest’ultimo sarà rappresentato anche dalla neopresidente Rosa Maria Di Giorgi.

Sarà Drusilla Foer, celeberrimo personaggio fiorentino, simbolo di eleganza e ironia, a calcare per prima il red carpet. Dopo aver chiuso la precedente edizione, Drusilla torna quest’anno al festival per ben due serate, quella di apertura e quella di chiusura. Alla cerimonia (inizio ore 18.45) saranno presenti anche alcuni dei protagonisti di questa edizione: le registe Blandine Lenoir, Marie France Brière, Noémie Lvovsky, il regista Emmanuel Mouret, l’attore Vincent Macaigne, l’attrice Nathalie Baye e i membri della giuria Riccardo Neri, Antonia Truppo e Fabio Grassadonia.

Il secondo spettacolo in programma, alle 21.30, sarà Tirailleurs, film diretto da Mathieu Vadepied che racconta la drammatica vicenda dei tirailleurs, fucilieri o tiratori scelti africani destinati ai battaglioni della Grande Guerra. Siamo in Senegal nel 1917 e l’esercito francese cattura i giovani dai villaggi per arruolarli e mandarli a combattere. Bakary vorrebbe proteggere il figlio Thierno ma non riesce ad evitare l’arruolamento coatto. Il film vede Omar Sy, attore portato al successo dalla commedia campione d’incassi Quasi amici, nel ruolo di protagonista, affiancato da Bamar Kane, Jonas Bloquet, Alassane Diong.

France Odeon proseguirà poi fino a martedì 1 novembre con un programma ricco di proiezioni e incontri, in un’edizione caratterizzata dalla presenza di tematiche e personaggi femminili potenti e attuali: Laure Calamy, interprete di Annie Colère della regista Blandine Lenoir; Sandrine Kiberlain, attrice protagonista di Chronique d’une liaison passagère di Emmanuel Mouret; Marina Foïs, protagonista nei due film L’année du requin dei fratelli Boukherma e Stella est amoureuse di Sylvie Verheyde; Noémie Lvovsky, regista e sceneggiatrice de La grande magie, per finire con Baya Kasmi, regista e sceneggiatrice di Youssef Salem a du succès. Lenoir, Kiberlain, Verheyde, Lvovsky e Kasmi saranno presenti al festival. Insieme a loro anche l’attrice Nathalie Baye, presente per un immancabile omaggio a Jean-Luc Godard, recentemente scomparso, che France Odeon ricorda con il film Detéctive (sabato 29, ore 10.30, Istituto Francese).

 Informazioni www.franceodeon.com

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments