Forte dei Marmi, ma anche Capri e Sardegna: spariti i turisti russi

Forte dei Marmi

Per anni a Forte dei Marmi ed in Versilia, in Costa Smeralda, Liguria, e città d’arte, prendendo d’assalto anche Capri, Ischia e le più esclusive mete siciliane, i turisti russi sono stati i protagonisti del turismo lusso.

Un trend che quest’anno si è però clamorosamente invertito alla luce del conflitto in Ucraina e delle sanzioni imposte dalla Ue, che hanno avuto immediati riflessi anche sul comparto turistico, con la presenza di turisti russi ridotta a cifre irrisorie. A Forte dei Marmi, infatti, ci sono solo i russi residenti mentre non sembra essere calato il numero dei turisti provenienti dall’Ucraina.

Numeri ridotti che tra l’altro arrivano dopo la richiesta avanzata a Bruxelles dalla premier finlandese Sanna Marin, dalla collega estone Kaja Kallas e dallo stesso Volodymyr Zelensky di vietare proprio l’ingresso dei cittadini della Federazione Russa nell’area Schengen e non solo per chi è nella black list.

L’estate 2022 fa segnare, quindi, un brusco stop alla presenza di megayacht nei mari italiani che ospitavano Paperoni ‘d’oltre cortina’, miliardari che non soggiornavano in hotel, avendo a disposizione veri e propri alberghi galleggianti, ma che scendevano a terra per i mega party organizzati per loro nei ristoranti famosi e più eleganti.

Il crollo è totale in Sardegna, dove sceglievano di svernare non solo gli oligarchi ma anche i ceti abbienti della società, i cosiddetti nuovi ricchi. Al nord, in Costa Smeralda e al sud al Forte Village di Santa Margherita di Pula, pressoché azzerate gli arrivi in queste settimane.

Non cambia lo scenario in Liguria e in particolare a Portofino, località da sempre amata dai facoltosi dell’Est. Il magnate Eduard Khudainatov l’unico che ha comprato un immobile, villa Altachiara che fu della contessa Vacca Augusta, è sparito e i lavori di ristrutturazione sono fermi.

E anche a Cortina e sul lago di Como sono pochissime le presenze nelle lussuose ville, anche se la percentuale di turisti russi che manca è stata ampiamente compensata dagli altri, soprattutto dagli americani, con presenze record.

Cifre irrisorie anche in Riviera Romagnola raggiunta dai pochi che riescono ad aggirare i blocchi aerei facendo scalo nelle repubbliche baltiche o in Turchia prima di atterrare negli aeroporti dell’Emilia-Romagna. Dall’Adriatico al Tirreno, la situazione è identica. In Versilia le presenze sono diminuite drasticamente.

Anche a Capri ed Ischia questa estate non si parla russo. Al largo dei faraglioni non è ormeggiato, come ogni anno, il mega yacht “Eclypse”, lungo 163 metri, di Roman Abramovich – che ha riparato in Turchia dopo le sanzioni dell’Ue – e non passa inosservata l’assenza di altri panfili come quelli di Arzhanov e Melnichenko e Mordashov. Sull’Isola Verde invece il crollo varia dal 50 al 90%.

A Taormina, meta apprezzata da molti cittadini della Federazione, la ripresa turistica c’è stata “ma c’è una diminuzione di russi chiaramente legata alla guerra” come conferma il sindaco Mario Bolognari. “Qui non è c’è stata mai una presenza di turisti russi molto rilevante – spiega – si tratta di presenze che comunque sono considerate importanti perché spendevano di più”.

E se le mete balneari come Forte dei Marmi sono state disertate, anche nelle città d’arte e dello shopping il bilancio del turismo russo è ampiamente negativo. A Venezia si attesta sullo 0,5-0,7% degli arrivi totali in laguna mentre a Milano, nella zona delle griffe a cominciare dalle boutique di via Monte Napoleone, si registra un netto calo di presenze così come nei grandi alberghi meneghini.

Infine, a Roma è quasi azzerata la presenza. È mancato totalmente”, spiega Roberto Necci, il presidente del Centro Studi Federalberghi della Capitale. Ed erano dei turisti ambiti, aggiunge, “perché accanto alla sistemazione alberghiera affiancavano importante spesa che alimentava il commercio della città”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments