Mar 28 Mag 2024

HomeToscanaCronacaFirenze: sgominata banda di 'topi di appartamento', svaligiavano case in tutt'Italia

Firenze: sgominata banda di ‘topi di appartamento’, svaligiavano case in tutt’Italia

9 fermi a Firenze contro ladri specializzati in ‘case’,  i Carabinieri Carabinieri li prendono nella base di Prato e di Sesto Fiorentino

I Carabinieri di Firenze hanno sgominato  un gruppo criminale specializzato in furti in abitazione in tutta Italia. Si tratta di nove uomini, fra i 23 e 54 anni, sottoposti dai carabinieri a fermo di indiziato di delitto mentre dormivano nelle basi operative usate per i colpi in Toscana, un’abitazione a Sesto Fiorentino (Firenze) e un prefabbricato nella campagna di Prato.

I fermati sono stati individuati al termine di una lunga indagine. Sono tutti di etnia rom e risiedono nel campo nomadi di Secondigliano. Le indagini, coordinate dalla procura di Firenze, hanno fatto luce su un sodalizio in grado di eludere i controlli di polizia, garantirsi preziose via di fuga e depredare le abitazioni.

L’inchiesta è partita da una denuncia di furto di una proprietaria di residente di Scandicci l’agosto scorso. Le attività hanno permesso di ricollegare gli autori di tale furto a tanti altri episodi delittuosi per la commissione dei quali i quali i malviventi erano soliti utilizzare un’auto station wagon di grossa cilindrata, a cui cambiavano targhe e colore dopo ogni colpo.

La banda per entrare nelle case distruggeva ogni ostacolo, arrecando gravissimi danni con arnesi tipo martelli, asce, cacciavite, flessibili e piedi di porco. Ora sono nei penitenziari di Firenze e Prato. I provvedimenti di fermo saranno sottoposti, nei prossimi giorni, alla convalida dell’autorità giudiziaria.

Tra i modus operandi, i nove agivano cambiando frequentemente vettura on altre auto a noleggio per complicare le indagini, inoltre gli esecutori diretti dei furti venivano fatti scendere dall’autista in strade isolate, mentre lui attendeva alla guida, con il motore acceso, mantenendosi in costante contatto con i complici nel frattempo in casa, avvisandoli dell’eventuale arrivo di pattuglie e mantenendosi pronto a recuperare i restanti componenti al fine di dileguarsi rapidamente. Nell’operazione di cattura dei nove fermati i carabinieri hanno effettuato perquisizioni personali, locali e pure ai veicoli.

Recuperata gran parte della refurtiva dei colpi messi a segno nei giorni scorsi nei comuni di Firenze, Fiesole, Scandicci e Bagno a Ripoli. Ci sono 2.400 euro in contanti in banconote di vario taglio, diverse borse da viaggio di marca (Gucci, Fendi e Louis Vuitton), vari orologi e preziosi in oro di famiglia. Sequestrata anche un’auto di grossa cilindrata sulla quale erano montati dispositivi lampeggianti e acustici simili a quelli utilizzati dalle forze di polizia.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)