Mer 17 Apr 2024
HomeToscanaDiritti🎧 Firenze, SAS: "Condizioni di lavoro inaccettabili e violazioni del Contratto...

🎧 Firenze, SAS: “Condizioni di lavoro inaccettabili e violazioni del Contratto nazionale”

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Firenze, SAS: "Condizioni di lavoro inaccettabili e violazioni del Contratto nazionale"
Loading
/

I sindacati hanno indetti uno sciopero di 24 ore  e un presidio a Firenze in piazza Signora in protesta contro l’azienda

Scelte unilaterali dell’azienda su cambi di orari/mansioni e peggioramento del clima lavorativo: sono questi i motivi che hanno portato oggi i lavoratori della Sas, la società di servizi alla strada controllata dal Comune di Firenze che occupa oltre 150 addetti, a scioperare oggi  per 24 ore e a svolgere un presidio davanti a palazzo Vecchio, in Piazza della Signoria.

“Registriamo condizioni di lavoro inaccettabili e violazioni delle norme del Contratto nazionale, senza risposte sarà ancora mobilitazione” dicono i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti di Firenze che hanno promosso  l’agitazione.

Tra le altre motivazioni anche un “confronto coi sindacati solo abbozzato” e il “peggioramento del clima lavorativo e delle relazioni sindacali”.

“Si sono create condizioni di lavoro inaccettabili che rappresentano una violazione delle norme in materia di lavoro e Contratto nazionale e un pericolo di salute per le lavoratrici e i lavoratori. In questi mesi abbiamo visto trasformarsi il clima di lavoro, le modalità operative, abbiamo visto le richieste sempre più pressanti e i sacrifici della cassa integrazione, non sempre necessaria”, denunciano Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti di Firenze.

Che aggiungono: “Ci riserviamo di agire in sede legale per comportamento antisindacale”.

“Come sempre saremo ben lieti di recuperare un confronto costruttivo con la Sas basato sul riconoscimento reciproco dei ruoli, nel rispetto delle previsioni normative e contrattuali. Diversamente, saremo altrettanto pronti a proseguire nella mobilitazione in ogni sede si rendesse necessario” concludono Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti di Firenze.