Firenze, record di visitatori per mostra su Jeff Koons. Oltre 170mila presenze

Firenze Jeff Koons
©Controradio

Record di visitatori per la mostra ‘Jeff Koons. Shine’ che si è chiusa ieri a Palazzo Strozzi a Firenze. Oltre 170.000 visite per la mostra dedicata all’artista americano, curata da Arturo Galansino e Joachim Pissarro.

Fin da ottobre 2021 la mostra su Jeff Koons ha registrato un tutto esaurito. Un successo per la Fondazione Strozzi, celebrato dal direttore Galansino.

“Nonostante le difficoltà e le restrizioni di questi mesi, ‘Jeff Koons. Shine’ – spiega la Fondazione – si posiziona come una delle mostre più visitate di sempre a Palazzo Strozzi, distinguendosi come l’evento di arte contemporanea di maggior successo del 2021 in Italia.
Tra i visitatori, si spiega ancora, circa 120.000, il 70% del totale, erano italiani provenienti al di fuori dell’area metropolitana di Firenze: oltre 85.000 hanno raggiunto la città (in giornata o pernottando in città anche più giorni) appositamente per visitare la mostra di Jeff Koons, generando un importante impatto sull’economia locale.

Dalle analisi sui visitatori, emergono inoltre “come dati importanti la grande partecipazione del pubblico under 30”, il 30% del totale dei visitatori, “e del pubblico delle famiglie, come testimonia la vendita record di oltre 6.000 biglietti famiglia, pari a oltre 20.000 presenze totali”.

“Fino a poco tempo fa sembrava impossibile poter realizzare una mostra così ambiziosa in questo momento storico e un simile risultato era addirittura impensabile” – dichiara Arturo Galansino -, ‘Jeff Koons. Shine’ è stata una sfida vinta per Palazzo Strozzi e per Firenze, che ha dato così un grande segnale di vitalità e di ripartenza sociale, culturale ed economica. La risposta del pubblico e dei media ha superato le nostre aspettative e siamo davvero soddisfatti dell’enorme successo di questa mostra che ha coinvolto in modo inclusivo oltre 170.000 persone – conclude Galansino -, rispecchiando lo spirito stesso dell’arte di Jeff Koons che vuol rendere il visitatore protagonista delle sue opere”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments