Firenze, Filcams Cgil: albergo di lusso licenzia e precarizza 9 lavoratori

Filcams Cgil
© Imagoeconomica

Firenze – La struttura alberghiera di lusso ‘Il Mulino’ a Firenze in via Villamagna, licenzia le persone e le precarizza, offrendo loro il passaggio da un contratto a tempo indeterminato a un contratto a tempo determinato di tipo stagionale.

Ad affermarlo è la Filcams Cgil Firenze che spiega: “Al Mulino, dopo un’apposita richiesta al Suap, si è passati da una attività alberghiera annuale ad una di tipo stagionale, con la struttura che starà aperta soltanto alcuni mesi dell’anno”.

“Sono nove le lavoratrici ed i lavoratori che avevano un contratto a tempo indeterminato e che adesso diventano stagionali, cioè precari – sottolinea il sindacato in una nota -. Quella del Mulino è una richiesta di stagionalità che non ci ha mai convinto, anche e soprattutto perché la caratteristica principale del turismo alberghiero fiorentino non è certo quella della stagionalità. Semmai, pensiamo che si sia semplicemente voluto fronteggiare il calo dei flussi turistici con la stagionalità”.

Per la Filcams “tutto ciò è inaccettabile. Durante la trattativa tra azienda e sindacati, in ambito di Unità di crisi presso la Città metropolitana di Firenze, si è richiesto l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per garantire la continuità occupazionale, ma l’azienda ha perseguito, imperterrita, la strada verso i licenziamenti e la precarizzazione del rapporto di lavoro”.

“In quell’ambito – conclude la Filcams Cgil – abbiamo richiesto all’Amministrazione comunale di Firenze di fare particolarmente attenzione alle richieste di stagionalizzazione delle strutture alberghiere, poiché queste scelte hanno degli impatti negativi sui lavoratori, licenziando e precarizzando i loro rapporti di lavoro, come dimostra la vicenda il Mulino”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments