Covid: Nardella, anticipare vaccinazioni a operatori turismo

il sindaco di Firenze

Secondo Nardella è poi necessario “intervenire sulle leggi per dare ai sindaci più strumenti per poter governare il fenomeno del turismo, soprattutto combattendo il turismo mordi e fuggi, perché se c’è una cosa che impariamo anche dal Covid e’che bisogna investire sempre di più sul turismo di qualità e sul turismo sostenibile”.

“Parto dal dato che le città d’arte in Italia sono in assoluto le più colpite dal Covid se
guardiamo all’economia del turismo. Abbiamo chiesto un patto con il Governo, che riguardi sia delle misure mirate ad aiutare le imprese e poi anticipare la vaccinazione degli operatori del turismo, perché non appena l’emergenza comincerà a rientrare, ci sarà un grande rimbalzo, tutti i Paesi europei riapriranno le frontiere e l’Italia si deve far trovare pronta per riaccogliere i turisti, in sicurezza, da tutto il mondo”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, a Tgcom24.

Secondo Nardella è poi necessario “intervenire sulle leggi per dare ai sindaci più strumenti per poter governare il fenomeno del turismo, soprattutto combattendo il turismo mordi e fuggi, perché se c’è una cosa che impariamo anche dal Covid e’che bisogna investire sempre di più sul turismo di qualità e sul turismo sostenibile”.

Tra le norme che potrebbero essere riviste “ad esempio” quelle che “riguardano gli affitti turistici brevi. Purtroppo questo fenomeno del turismo attraverso le piattaforme online che
comunque piace ai giovani e alle famiglie, pero’ ha un regime fiscale decisamente vantaggioso rispetto alle imprese e agli alberghi. Faccio un esempio: un proprietario privato che ha cinque-sei appartamenti nel centro storico di Roma piuttosto che di Firenze paga solo la cedolare secca. Una piccola azienda che ha un bed and breakfast o un piccolo albergo deve pagare il personale, la sicurezza e le tasse imprese. Quindi occorre
regolare questo turismo delle piattaforme online, e poi avere anche la possibilità di limitare gli accessi giornalieri. Se prendiamo le prime cinque città turistiche italiane, Firenze,
Roma, Napoli, Venezia, Milano, in un anno la perdita nel settore del turismo e’ di più di 20 miliardi di euro”.

0 0 vote
Article Rating
guest
1 Comment
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Alessandro
Alessandro
1 mese fa

Siamo diventati a Disneyland dell’arte.