Covid: a Chiusi al via screening massa, 5 mila prenotazioni

screening
Copyright: imagoeconomica

Con oltre cinquemila prenotati su ottomila abitanti, è iniziato questa mattina a Chiusi (Siena) lo screening di massa della popolazione ‘Territori sicuri’, dopo l’individuazione nei giorni scorsi della presenza di due varianti al virus Sars-Cov2.

Una decisione, quella di sottoporre quante più personeresidenti possibili al tampone molecolare, presa dalla regioneToscana in accordo con il Comune senese, per capire se vi sianoaltri cittadini positivi, in particolar modo fuori dallequarantene note, tra gli asintomatici e interrompere così latrasmissione del contagio. Tra i primi a sottoporsi al tamponeanche il sindaco Juri Bettollini.

Lo screening volontario gratuito proseguirà fino ad esaurimento delle prenotazione. Fino al 14 febbraio Chiusi rimarrà in zona rossa.

“In questo momento il virus sta aggredendo i ragazzi più giovani: i bambini in ambito scolastico – è l’appello lanciato ieri , via Facebook, dal sindaco di Chiusi – È necessario che tutti noi e i nostri figli ci sottoponiamo al tampone”.

L’appello del sindaco Bettolini arriva dopo che venerdì sera era stata rilevata trai contagiati del paese la presenza di due varianti al virus Covid-19, quella sudafricana e quella brasiliana.

Intanto secondo i dati di sabato della Asl i nuovi positivi a Chiusi sono 15 per un totale di 85 casi. Tra i nuovi contagiati anche 7 bambini: per questo il sindaco ha firmato un’ordinanza con la chiusura per una settimana di tutte le scuole di ogni ordine e grado e l’attivazione della didattica a distanza.

Da domenica invece, come annunciato venerdì, d’accordo e su ordinanza della Regione, scatta la zona rossa: chiuse le attività commerciali – a eccezione dei negozi di generi alimentari e di beni di prima necessità – bar, ristoranti e parchi. Consentiti gli spostamenti solo per necessità, lavoro o salute.

“Varianti al virus più aggressive e di rapida trasmissione – aveva scritto il presidente Giani – sono state registrate al confine con la regione Umbria, nel comune di Chiusi. Con il sindaco Juri Bettollini abbiamo concordato, in modo preventivo e precauzionale, le misure della zona rossa per una settimana all’interno del territorio municipale da domenica 7 al 14 febbraio”.

Da lunedì 8 febbraio partirà poi la campagna Territori sicuri, screening di massa in piazza XXVI giugno a Chiusi Scalo. Le prenotazioni on line hanno già raggiunto quota 2.700 persone su 8mila abitanti.

Per quanto riguarda il resto della Toscana invece: “Ho parlato con il Ministro Roberto Speranza – ha spiegato Giani – abbiamo concertato che resteremo per la quinta settimana consecutiva in zona gialla, una bella notizia per tutti noi”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments