Consiglio di Stato: respinto l’appello contro il calendario venatorio toscano

calendario venatorio

Toscana, il Consiglio di Stato ha respinto nella giornata di oggi, 5 dicembre 2022, l’appello contro il calendario venatorio toscano presentato dalle associazioni ambientalistiche e animaliste.

Le associazioni ambientaliste e animaliste hanno visto, per la seconda volta nel solito anno, respinto il loro appello contro il calendario venatorio regionale toscano. Di fatto, il Tar della Toscana, aveva già respinto, nel mese di ottobre, la richiesta di sospensione del calendario proposta dalle stesse associazioni.

La domanda di appello al Consiglio di Stato in merito alla sospensione del calendario è arrivata da associazioni ambientaliste e animaliste come: Lipu Birdlife, Wwf, E.N.P.A, Lav, e Lac. Scopo di queste associazioni era fermare il calendario venatorio regionale toscano per i tempi di prelievo di alcune specie di uccelli migratori quali il tordo sassello, il tordo bottaccio, la cesena, il beccaccino, la beccaccia, il frullino, la folaga, la gallinella d’acqua, il porciglione, l’alzavola, la marzaiola, il fischione, il codone, la canapiglia, il germano reale e il mestolone.

Il Consiglio di Stato inoltre, sollecitato dalle stesse Associazioni ambientalistiche e animaliste a esprimersi, ribadisce la bontà del calendario venatorio regionale e ritiene  l’insussistenza dei presupposti per l’accoglimento dell’appello cautelare, anche alla luce dei profili di carattere processuale sollevati dalle parti appellate.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments