Mer 21 Feb 2024

HomeToscanaCronacaConsigliere comunale denuncia aggressione dal sindaco di Peccioli

Consigliere comunale denuncia aggressione dal sindaco di Peccioli

Peccioli, in provincia di Pisa, avrà strascichi giudiziari una presunta lite tra un consigliere comunale di minoranza e il sindaco Pd di Peccioli (Pisa), Renzo Macelloni: oggetto del contendere l’ipotesi di fusione del borgo dell’alta Valdera con Lajatico, paese natale del cantante Andrea Bocelli.

Il consigliere comunale Magdi Nassar ha denunciato sulla sua pagina Facebook di essere stato aggredito dal primo cittadino nella pausa della seduta del consiglio comunale dello scorso 30 dicembre, postando una sua foto con evidenti segni sul collo conseguenza, a suo dire, di una reazione violenta dello stesso Macelloni, che a sua volta respinge le accuse. La notizia è riportata dalla stampa locale.

Il consigliere ha postato anche la foto di un referto medico che attesta un trauma la rachide cervicale guaribile in pochi giorni. “Mi ha afferrato per il collo – sottolinea Nassar – per cacciarmi da una stanza dove si era riunito con il segretario generale in conseguenza della presentazione di miei emendamenti alla delibera relativa alla fusione con Lajatico alla quale siamo contrari”.

Nassar spiega di aver “presentato una denuncia ai carabinieri di Peccioli e informato la prefettura di Pisa perché sento minacciata la mia incolumità personale in ordine alo svolgimento della mia azione politica”.

Il consigliere chiede al prefetto anche di valutare l’ipotesi di sciogliere il consiglio comunale.

Immediata la replica di Macelloni che, in una nota, respinge le accuse e afferma: “Non avrei mai pensato si potesse arrivare a questi livelli di falsificazione per fare lotta politica. Per fortuna al consiglio comunale c’erano molte persone e non sarà difficile ricostruire le cose nelle sedi opportune. Tutelerò la mia onorabilità e quella del consiglio comunale in tutte le sedi, comprese quelle giudiziarie”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.