Lun 15 Apr 2024

HomeToscanaPoliticaCentrodestra smentisce di aver 'licenziato' associazione per aver usato un'asterisco invece della...

Centrodestra smentisce di aver ‘licenziato’ associazione per aver usato un’asterisco invece della vocale finale, per non indicare il genere dei bambini

Grosseto, un asterisco invece della vocale finale, per non indicare il genere, e Fondazione Grosseto Cultura, che ha la maggioranza dei componenti espressione del Comune di Grosseto, a guida centrodestra, non rinnova la convenzione all’associazione giovanile “Clan” (acronimo di Collettivo libero anti-noia).

La parola “bambin*”, come riportato in questi giorni sui quotidiani locali, utilizzata, in “assoluta buonafede”, per comprendere i due generi in una newsletter da parte dell’associazione che gestiva le attività del polo culturale cittadino Clarisse Arte, sarebbe bastata per mettere l’associazione giovanile nel mirino del cda di Fondazione Grosseto Cultura, che ha la maggioranza dei componenti espressione del Comune di Grosseto aguida centrodestra.

L’ente ha deciso di chiedere spiegazioni all’associazione, successivamente non è stata rinnovata a Clan la convenzione per la gestione della struttura, che scadeva il 31 di dicembre, con la conseguente perdita di alcuni posti di lavoro. Il Pd locale ha chiesto le dimissioni in blocco del cda di Fondazione Grosseto Cultura, accusandolo di aver compiuto una “scelta politica”.

Secondo il cda di Fondazione Grosseto cultura “nessun licenziamento è imputabile alla vicenda dell’asterisco, che ci stupisce essere stata così erroneamente interpretata. Smentiamo con decisione che il mancato rinnovo della convenzione sia dovuto all’asterisco inserito in una parola” e la scelta di non rinnovare le convenzioni giunte a scadenza è dettata da “un cambio di gestione per motivazioni esclusivamente legate al miglioramento dei servizi museali. Spiace molto che qualcuno abbia voluto strumentalizzare in chiave politica una scelta esclusivamente tecnica e organizzativa”.

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"