Cocktail anticorpi riduce ricoveri e morti Covid fino al 70%

monoclonali
© Imagoeconomica OSPEDALE ISRAELITICO DI ROMA CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 SCREENING IMMUNITA' ANTICORPI ANALISI TEST SIEROLOGICO SIEROLOGICI RAPIDO RAPIDI PERSONALE SANITARIO IN ABBIGLIAMENTO PROTETTIVO CAMICE CAMICI PROTETTIVI GUANTI PROTETTIVI

Lo afferma la compagnia Roche, che ha messo a punto la terapia, in un comunicato sui risultati dello studio di fase 3 sui farmaci a base di anticorpi

Il cocktail di anticorpi monoclonali sperimentali casirivimab e imdevimab riduce il rischio di
ricovero o morte del 70% rispetto al placebo in pazienti non ospedalizzati ad alto rischio con Covid-19. Lo afferma la compagnia Roche, che ha messo a punto la terapia, in un
comunicato sui risultati dello studio di fase 3 sui farmaci. Casirivimab e imdevimab, spiega la nota, hanno anche raggiunto tutti gli endpoint secondari chiave nello studio di fase III, inclusa la capacità di ridurre la durata dei sintomi da 14 a 10 giorni.

Inoltre, uno studio complementare di fase II in pazienti non ospedalizzati sintomatici o asintomatici a basso rischio con COVID-19 ha mostrato, grazie alla somministrazione degli anticorpi, riduzioni della carica virale significative e comparabili a dosi comprese tra 300 e 2.400 mg.

“I risultati di oggi mostrano l’importante beneficio medico che casirivimab e imdevimab possono fornire alle persone con COVID-19 riducendo significativamente il rischio di
ospedalizzazione e morte – ha affermato Levi Garraway, Chief Medical Officer e Head of Global Product di Roche Sviluppo -.

Le nuove infezioni continuano ad aumentare a livello globale con oltre tre milioni di casi segnalati a partire dalla scorsa settimana, quindi questo cocktail di anticorpi sperimentali può offrire speranza come potenziale nuova terapia per i pazienti ad alto rischio, in particolare alla luce delle recenti prove che dimostrano che casirivimab e imdevimab insieme mantengono attività contro le principali varianti emergenti.

Insieme al nostro partner Regeneron, siamo grati ai pazienti e agli sperimentatori che hanno partecipato agli studi clinici in corso e non vediamo l’ora di discutere il crescente corpo di evidenze con le autorità sanitarie e di portare il trattamento a quante più persone possibile”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments