Castelfiorentino: bookcrossing alla Stazione Ferroviaria

stazione

La Prociv e la Biblioteca hanno deciso di aprire un punto di lettura e prestito nella sala d’aspetto della Stazione Ferroviaria di Castelfiorentino. L’obiettivo è quello del bookcrossing, un’idea che ha preso forma una quindicina di anni fa e che consiste nel far ruotare la lettura di un libro da una persona all’altra, senza passare da una biblioteca.

Al bookcrossing si sono certamente ispirati gli operatori della biblioteca e i volontari della Prociv, che hanno preso la lodevole iniziativa di aprire un nuovo punto di lettura e prestito libri nella sala d’aspetto della Stazione Ferroviaria. Un modo per condividerne i contenuti, e allo stesso tempo prolungarne il percorso di vita, in modo informale e totalmente gratuito.

Il nuovo punto prestito mette a completa disposizione degli utenti un patrimonio di circa cento volumi, che spaziano dai gialli alla narrativa, dalla cucina al tempo libero (barzellette, ecc.). Chi è interessato li può prendere liberamente, purché si impegni a riportarli oppure a prestarli a sua volta a qualche amico, parente, e così via.

“Questo progetto – sottolinea l’Assessore alla Cultura, Claudia Centi – è nato insieme alla Biblioteca “Vallesiana”, che aveva a disposizione un consistente numero di libri, frutto di donazioni, che per varie ragioni (ad esempio copie doppie o triple) non poteva collocare nei suoi scaffali per motivi di spazio. Per questo, abbiamo voluto valorizzare questo piccolo patrimonio agevolandone la fruizione in uno spazio idoneo, come la sala d’aspetto della Stazione, attrezzata con uno scaffale realizzato ad hoc dal Centro Giovani della nostra associazione.”

Questa bella iniziativa- prosegue Centi- si configura come una nuova opportunità per invitare alla lettura, e rappresenta un’ulteriore tappa per valorizzare l’area della Stazione, dove recentemente è stata realizzata la nuova sede della Prociv, e dove sono state installate le telecamere per garantire una maggiore sicurezza”.

“Siamo solo all’inizio – aggiunge Marco Cappellini, presidente della Prociv – e abbiamo già ricevuto diverse richieste di persone che intendono donare al Punto prestito alcuni libri, evitando così di buttarli via. Se l’iniziativa avrà un buon riscontro tra gli utenti, contiamo di implementarla con altri volumi e in seguito anche di allargarla con la creazione di nuovi punti prestito, anche all’aperto”.

Commenta la notizia

avatar