Caporalato, Ispettorato del Lavoro: “Tra gli effetti violenze e dispersione scolastica”

Caporalato

Prato – Il direttore capo dell’ Ispettorato nazionale del lavoro Bruno Giordano è intervenuto al Forum sulla sicurezza del lavoro, che si è concluso oggi. Tra i temi trattati anche quello del contrasto al caporalato.

Secondo Bruno Giordano il fenomeno del caporalato porta effetti come “violenze e dispersione scolastica. È necessario sostenere chi denuncia”. L’evento che ha toccato il mondo del lavoro, e che si è tenuto a Prato, è stato condito da tre giorni di appuntamenti, interviste e tavole rotonde. Uno dei temi affrontati nel corso dell’ultima giornata è stato quello del fenomeno del caporalato e della lotta per contrastarlo: “La legge 199 del 2016 – ha sottolineato Bruno Giordano – ci ha dato molti strumenti di contrasto processuali, amministrativi, preventivi, di controllo, ma in gran parte non è applicata. Non abbiamo bisogno di strumenti solo investigativi e giudiziari, ma abbiamo bisogno di strumenti di coordinamento delle attività e di tutela dei diritti. Andare in un campo e trovare dei lavoratori in condizioni di sfruttamento non basta, occorre, poi, dare loro un alloggio e un’ attività.”

“L’ispettorato grazie all’organizzazione internazionale della migrazione – ha proseguito Giorando -, ai contatti con la rete del volontariato cerca di farsi carico di queste esigenze, ma c’è bisogno di un impegno più ampio a livello istituzionale. Non possiamo abbandonare le vittime dopo aver trovato chi li sfrutta. La legge – continua Giordano – prevede l’aiuto al ‘pentito’, ma non l’incentivo alla denuncia. Poche denunce arrivano dalla parte delle vittime. Molte attività sono d’ufficio o di carattere investigativo e partono dall’Ispettorato o dalle forze dell’ordine. Nessuna denuncia, per esempio, è partita da una donna, eppure lo sfruttamento femminile, all’interno di questa realtà, è molto grave. Di solito i fatti di caporalato denotano anche un indotto sociale negativo.”

“Solo per fare due esempi cito la dispersione scolastica e l’aumento degli aborti, clandestini e non, delle donne romene, che significa che in quelle realtà ci sono delle violenze”, ha concluso il direttore Bruno Giordano.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments