UniFi ricorda lo studente Niccolò Bizzarri

Niccolò Bizzarri

Firenze, l’Ateneo fiorentino ricorda la studente con disabilità motoria Niccolò Bizzarri, prematuramente scomparso nel gennaio 2020 a causa di un deprecabile, banale incidente che poteva facilmente essere evitato.

Nella mattinata di venerdì 2 dicembre, in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, nell’ambito dell’iniziativa “Senza barriere”, l’Università di Firenze affiggerà nella sede universitaria di Piazza Brunelleschi una targa in memoria di Niccolò Bizzarri. Lo studente è prematuramente scomparso all’inizio del 2020: era appena uscito dall’Università quando la sua sedia a rotelle elettrica è rimasta bloccata sul pavimento dissestato e lui è caduto. Nonostante l’immediato intervento dei soccorsi, a causa del trauma cranico, il ragazzo è morto.

Nella dedica, spiega una nota, è stata trascritta anche una poesia dello studente prematuramente scomparso, che si era speso con passione negli organi istituzionali per il pieno coinvolgimento degli studenti disabili nelle attività dell’Ateneo. Saranno presenti la rettrice Alessandra Petrucci, la vicesindaco del Comune di Firenze Alessia Bettini e il presidente della Scuola di Studi umanistici e della formazione Giovanni Zago.

Durante l’iniziativa verrà presentato il progetto di crowdmapping ideato nell’ambito delle azioni Unifi Include: la mappatura delle strutture dell’Ateneo fiorentino – realizzata con la partecipazione diretta dei soggetti fruitori – permetterà agli studenti di informarsi sull’accessibilità delle sedi, grazie all’integrazione di Kimap, App gratuita della startup Kinoa che facilita la mobilità di persone con disabilità.

Le iniziative a sostegno dell’inclusione dell’ateneo fiorentino continuano. Infatti il 5 dicembre, durante la Giornata mondiale del volontariato, si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio Unifi include, dedicato a persone e organizzazioni impegnate in servizi di accoglienza, solidarietà e inclusione. L’evento avrà luogo alle ore 11.00, nell’Aula rossa di Villa Ruspoli, in piazza Indipendenza. Si tratta della prima edizione del Premio che l’Ateneo promuove per richiamare l’attenzione sui temi che sono oggetto di uno specifico impegno da parte della comunità universitaria fiorentina. A ricevere il riconoscimento don Matteo Galloni e Francesca Termanini della Fondazione Amore e libertà onlus, Marisa Daniela Consilvio di La Ronda della carità e della solidarietà e Enrico Palmerini del Coordinamento toscano marginalità.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments