Artigianato Toscana: nel 2019 -4,4% occupati e -2,7% imprese

artigianato

L’artigianato toscano nel 2019 vede calare del 4,4% l’occupazione e del 2,7% le imprese su base annua: è quanto emerge dal rapporto presentato oggi a Firenze dall’ente bilaterale Ebret.

Il dato negativo per l’occupazione riguarda tutte le province, con punte negative per Prato (-6,9%) e Firenze (-5,2%), mentre fra i vari comparti è la moda a soffrire di più (-7,8%). Crescono invece le retribuzioni (+1,9% medio procapite), in virtù di un calo dei contratti part-time e dell’uscita dal mercato di imprese più marginali.

“Nel 2019 stiamo assistendo a un calo dell’occupazione che è misurato in circa 5.500 unità e che riguarda trasversalmente tutti i settori”, ha osservato Riccardo Perugi, coautore del rapporto, spiegando che “c’è un forte incremento delle ore integrate dal Fondo di Solidarietà bilaterale, parliamo circa il 70% di ore in più fra 2019 e 2018: questo significa che le situazioni di crisi e difficoltà aziendale si stanno diffondendo a varie ramificazioni del sistema artigiano regionale”.

“Il 2019 chiude in maniera veramente preoccupante e non vediamo spiragli positivi neanche per il 2020”, lamenta Ciro Recce, presidente Ebret, secondo il quale “l’artigianato è un settore che, anche attraverso il patto per lo sviluppo regionale che è stato siglato, ha bisogno di maggiore attenzione per far sì che si possa ripartire, perché è veramente il centro della nostra economia”.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments