Arezzo: aggredita e rapinata in un bar

terrorismo

Una donna è stata legata e chiusa nella cucina di un bar ad Arezzo, gli aggressori hanno poi forzato le slot machine

Aggredita all’interno del bar dove lavora, poi legata, imbavagliata e rinchiusa nel cucinotto del locale mentre i malviventi forzavano le slot machine. E’ questa la prima ricostruzione di quanto accaduto stamani intorno alle 4.30 ad Arezzo, in via Romana.

Tre i banditi, a volto coperto, entrati nel locale, secondo il racconto della vittima, una 54enne, mentre una quarta persona potrebbe essere rimasta fuori dal bar.
Da una ricostruzione i malviventi sarebbero entrati in azione mentre la donna stava pulendo. Dopo aver tentato di forzare la porta posteriore del bar sarebbero entrati da quella principale.

Avrebbero quindi oscurato l’obiettivo delle telecamere con uno spray. Dopo aver chiuso la donna nel cucinotto avrebbero forzato le slot machine al cui interno c’erano solo pochi spiccioli. Quindi la fuga.

A dare l’allarme sarebbe stata la stessa barista poi portata dal 118 al pronto soccorso dell’ospedale di Arezzo: le sue condizioni sono buone a parte lo choc. Le indagini sono seguite dalla polizia: la scientifica ha eseguito rilievi a tappeto, dentro e fuori il locale, alla ricerca di elementi utili per risalire all’identità degli aggressori.

avatar