Appello Arci e Acli Toscana: “Riapertura circoli in zona gialla”

case del popolo
FLASH MOB PER CHIEDERE FONDI AL GOVERNO DA PARTE DI ALCUNE ASSOCIAZIONI CULTURALI MANIFESTAZIONE PROTESTA CARTELLI BANDIERA ARCI © Imagoeconomica

La metà dei circoli Arci e Acli della Toscana rischiano la chiusura. L’appello al Governo: “Basta! Adesso permetteteci di  aprire  in zona gialla” Da marzo l’attività è sospesa e molte realtà associative non riescono più a sopravvivere. I presidenti: “Bar aperti e circoli chiusi: il Governo elimini questa discriminazione e aumenti l’efficacia dei ristori”

Con molta fatica hanno resistito al primo lockdown di marzo, ma il colpo di grazia potrebbe arrivare dal secondo: circa la metà dei 1500 circoli Acli e Arci della Toscana, tra queste moltissime realtà più piccole, potrebbero non riaprire mai più. E’ l’allarme lanciato dai presidente regionali Acli, Giacomo Martelli, e Arci, Gianluca Mengozzi, che lanciano un appello.

“La situazione è gravissima, ora basta.  Il Governo ci consenta di aprire ed elimini le discriminazioni permettendoci di poter svolgere l’attività sociale di somministrazione riservata ai soci almeno in zona gialla, con gli stessi limiti e modalità consentite agli esercizi commerciali”.

Tutte le attività sono chiuse da marzo, con l’eccezione di un paio di mesi in estate. A pagare il prezzo più alto sono i circoli dei lavoratori e le case del popolo, quelle che spesso rappresentato l’unico luogo di aggregazione oltre che presidio sociale.

“Queste realtà  – spiega Martelli –  hanno un valore fondamentale per tante persone, soprattutto anziane, che qui non solo passano il tempo, ma spesso ricevono servizi di prossimità per loro indispensabili, soprattutto se non possono muoversi facilmente. C’è una situazione di solitudine sociale molto grave”.

“Le conseguenze sociali della pandemia saranno molto gravi – aggiunge Mengozzi – Aumenteranno povertà e disuguaglianze per i settori sociali più vulnerabili. L’esistenza dei circoli ricreativi e culturali sarà ancor più necessaria per la salvaguardia dei diritti delle fasce popolari e per la coesione sociale delle nostre comunità. Per questo le Istituzioni, in primis il Governo, devono sentire l’obbligo di assicurare con atti concreti la sopravvivenza di questi insostituibili presidi.”

Con le entrate azzerate, la sostenibilità economica di queste realtà, che vivono di autofinanziamento, viene a mancare. Anche la campagna di tesseramento non è partita.  Poco o nulla al momento è arrivato dai ristori del Governo e aumentano anche le difficoltà per l’accesso al credito agevolato. “In attesa dei ristori promessi dal Governo, al momento le associazioni possono contare solo sugli aiuti previsti dalla Regione Toscana che ha sempre mantenuto alta l’attenzione sui  presidi”.

“Che il Governo – puntualizzano i presidenti – elimini l’ingiusta discriminazione che stiamo subendo. Non si comprende perché ai circoli siano impedite attività permesse ad altre categorie. Non accettiamo l’idea che, a parità di regole di sicurezza, le attività che si svolgono nei circoli vengano considerate più nocive di quelle realizzate nelle strutture commerciali. In assenza di sostegno economico, il Governo ci deve permettere almeno l’azione di autofinanziamento per poter sopravvivere. E’ necessario intervenire urgentemente per non mettere fine alla lunga storia dei nostri circoli. Facciamo appello anche ai parlamentari toscani che non ci hanno fatto mancare in questi mesi segnali di solidarietà perché intervengano presso il Governo”.

0 0 votes
Article Rating
guest
8 Commenti
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Petula
Petula
4 mesi fa

Ci stanno distruggendo come dobbiamo fare?

Orazio
Orazio
3 mesi fa

È una vergogna se non si muore di covid si muore di fame .A casa sto governo di incapaci e burattin ma veramente gli Italiani sono caduti così in basso

Silvano
Silvano
3 mesi fa

Sono restrizioni assurde e non corrette.
Credo sia giusto dare ai circoli.le stesse restrizioni che vengono date a bar e ristoranti. I circoli svolgono una funzione sociale importante specialmente in periferia

piero lolli
piero lolli
3 mesi fa

non si possono discriminare gli anziani con la chiusura dei ritrovi di aggregazione

Paolo
Paolo
3 mesi fa

Io vivo in un paesino di circa 700 anime , il circolo arci , unico punto di ritrovo , e’ chiuso dallo scorso marzo , abbiamo ricostituito un nuovo consiglio di cui faccio parte e dobbiamo riaprire il circolo . Un mio amico dottore ha scritto : non uccide solo il covid , anche la solitudine

Luigi
Luigi
3 mesi fa

Decidetevi se i circoli riapriranno o no.

Luigi
Luigi
3 mesi fa

Questi circoli arci non apriranno più.ditelo.x che non hanno la partita iva.?

Carmelo Misale
Carmelo Misale
15 giorni fa

In televisione si vedono bravi giocatori di biliardo giocare con la mascherina. Perché non lo possiamo fare anche noi che già lo facevamo senza problemi?