Mar 25 Giu 2024

HomeCultura & SpettacoloConcerti🎧L'Orchestra della Toscana presenta la sua nuova stagione "che guarda al futuro"

🎧L’Orchestra della Toscana presenta la sua nuova stagione “che guarda al futuro”

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧L'Orchestra della Toscana presenta la sua nuova stagione "che guarda al futuro"
Loading
/

Un progetto “che guarda al futuro”:  si annuncia così la 44/a stagione concertistica dell’Orchestra della Toscana, presentata oggi al Teatro Verdi di Firenze. Il punto fermo dell’Ort quest’anno è il ventisettenne Diego Ceretta: sarà lui a inaugurare il 30 ottobre la stagione, che prevede 15 concerti ispirati soprattutto al repertorio austro-tedesco tra classicismo e romanticismo.

Audio: direttore Creativo dell’Ort Daniele Spini e il direttore principale dell’Ort Diego Ceretta

Un progetto “che guarda al futuro” con la presenza sempre più forte del direttore principale Diego Ceretta e 15 appuntamenti in stagione. Si presenta così la 44/a stagione concertistica dell’Orchestra della Toscana, presentata oggi al Teatro Verdi di Firenze. Il punto fermo dell’Ort è Ceretta: sarà lui a inaugurare la stagione il 30 ottobre con un programma incentrato su due capisaldi del repertorio sinfonico ottocentesco, l’ouverture Egmont di Beethoven, ispirata dal dramma omonimo di Goethe, e la Sinfonia Scozzese di Mendelssohn. A Natale ecco il secondo programma di Ceretta, incentrato su Beethoven e Wagner. Al cuore dei 15 concerti della stagione c’è il repertorio austro-tedesco tra classicismo e romanticismo. Nel cartellone è presente anche Erina Yashima: origini giapponesi, passaporto tedesco, Yashima è prima direttrice della Komische Oper di Berlino. Con lei, a suonare il ‘Concerto per violino op.77’ (il 27 marzo) di Brahms, c’è l’ungherese Kristof Barati. Il programma comprende inoltre la Sinfonia n.1 di Brahms e Salvador, ‘Impressioni surrealiste’ di Fabio Massimo Capogrosso (il 9 aprile), compositore quarantenne che ha acquistato popolarità grazie alle colonne sonore per gli ultimi due film di Marco Bellocchio, ‘Effetto notte’ e ‘Rapito’. In cartellone anche due serate speciali di spettacolo. La prima il 30 novembre con il debutto di Puccini Dance Circus Opera, spettacolo in cui teatro, danza, musica dal vivo, opera lirica e circo contemporaneo dialogano. L’altro appuntamento è ‘Carnevale a marzo’ (4 marzo), con Marco Pierobon che racconta New York attraverso le melodie di Broadway. “La mia presenza sarà quasi raddoppiata rispetto alla scorsa stagione, passo da 3 a 5 eventi – ha spiegato Ceretta -. Il focus è sulla scuola tedesca musicale con alcune piccole deviazioni, si tratta di consolidare il lavoro che stiamo facendo e che sta andando benissimo. Sono orgoglioso di questa orchestra”. Daniele Spini, direttore artistico Ort, ha spiegato che la nuova stagione “riserva un sacco di belle cose” a cominciare dalle presenze quasi raddoppiate “del nostro direttore principale Ceretta”. “Il profilo artistico è ricco e interessante”, ha affermato il presidente della Fondazione Ort Maurizio Frittelli.

 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)