Mer 24 Lug 2024

HomeToscanaAmbiente🎧 No Aeroporto in corteo il 30 settembre, nuovo scalo insostenibile

🎧 No Aeroporto in corteo il 30 settembre, nuovo scalo insostenibile

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 No Aeroporto in corteo il 30 settembre, nuovo scalo insostenibile
Loading
/

I comitati no aeroporto tornano a dare battaglia e indicono per sabato 30 settembre una manifestazione per ribadire la loro contrarietà al progetto di sviluppo dello scalo aeroportuale di Peretola e alla realizzazione di una nuova pista convergente, declinata rispetto al tracciato dell’A11.

Il ritrovo è alle 14 in via Lombardia nel quartiere delle Piagge, da dove partirà un corteo che si dirigerà proprio verso lo scalo. Fra i promotori Presidio no inceneritori- no aeroporti, Legambiente, Italia Nostra, associazione Vas onlus, Fridays for future Firenze e Prato.

“A quattro anni dall’ultima grande manifestazione- spiega Sandro Targetti del comitato Presidio no inceneritori no aeroporti- vogliamo ribadire la contrarietà al nuovo aeroporto di Peretola e anche affermare con grande chiarezza che già l’attuale scalo non è più sostenibile per le popolazioni, l’ecosistema è già compromesso dai tanti inquinamenti e dalle tante funzioni che sono presenti nella Piana fiorentina”. Pertanto, aggiunge, “realizzare questo nuovo aeroporto significa stravolgere completamente l’ecosistema e compromettere definitivamente il progetto del parco della Piana. Se parliamo di emergenza climatica occorrono scelte chiare e nette a partire dal fatto di mettere da una parte questi progetti che fra l’altro non creano tutto quel lavoro che si prospetta. Mentre noi pensiamo che sanificando l’ambiente, realizzando il parco della Piana sia possibile creare un numero di posti di lavoro ancora maggiore”.

Il fronte composito di aderenti include anche il comitato per la Tutela del crinale mugellano che mette in relazione la battaglia contro la nuova pista a un progetto che tocca invece dal vivo il tema della transizione ecologica, ovvero il parco eolico nel Mugello fortemente contestato dai cittadini. “Se vogliamo la transizione ecologica cominciamo a non fare più mega opere inquinanti, intossicanti e velenose come questo mega aeroporto- aggiunge Alessandro Ricci portavoce del comitato mugellano- e lasciamo in pace questi bellissimi crinali che sono ancora delle aree naturali piene di boschi che producono ossigeno e lasciamoli così come sono, senza portarci ruspe, camion, betoniere”.

AUDIO: Gianfranco Ciulli presidente dell’Associazione Vas e il prof. Giorgio Pizziolo di AlterPiana 

1 commento

I commenti sono chiusi.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)