mercoledì , 25 gennaio , 2017 2:17
Your Ad Here
Home /

Tag Archives: acqua

FREDDO: PUBLIACQUA, 6 MILA CONTATORI ROTTI IN 4 GIORNI

FREDDO

Oltre 6 mila segnalazioni al  Numero Verde Guasti  di Publiacqua (800 314 314) e circa 1.000 contatori rotti o danneggiati dal ghiaccio. Questo il bilancio aggiornato alla giornata di ieri di questi giorni di basse temperature sul territorio dei 46 Comuni dove Publiacqua gestisce il servizio. Un bilancio ancora provvisorio, in continuo aggiornamento e che, fa i conti con i problemi causati, in prevalenza, dalle rotture dei contatori, non adeguatamente protetti, e dal congelamento dei tubi esterni privati oltreché dai problemi sempre creati dal ghiaccio alle tubazioni ed agli impianti dell’acquedotto. Problemi si sono registrati e si stanno registrando su tutto il territorio e riguardano, come detto i contatori (se ne contano circa 1.000 rotti o congelati), le tubazioni dell’acquedotto, con rotture determinate dalla variazione termica, ed anche i nostri impianti, visto che tutti gli apparati e le tubazioni che li alimentano, specialmente per quanto riguarda gli impianti collinari, sono soggette alle bassissime temperature notturne. Il personale Publiacqua è mobilitato a fronteggiare questa situazione e nel solo fine settimana scorso il numero di interventi si è quadruplicato rispetto alla normale attività del weekend. Particolare attenzione viene posta sulla sostituzione contatori in quanto questa tipologia di guasti comporta mancanza d’acqua e impossibilità di far funzionare gli impianti di riscaldamento. Attualmente i nostri operatori, lavorando riescono a sostituire oltre 200 contatori al giorno. Il Numero Verde Guasti (800 314 314), opportunamente potenziato, da sabato ha già ricevuto oltre 6 mila segnalazioni dal territorio ed anche in queste ore sta ricevendo ancora moltissime telefonate, è ...

Read More »

FIRENZE: AGEVOLAZIONI SULLE BOLLETTE DELL’ACQUA PER FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’

agevolazioni fiscali acqua

L’Autorità Idrica Toscana prevede 5 milioni di agevolazioni tariffarie sulle bollette per le famiglie meno abbienti Il provvedimento riguarderà circa il 2%degli utenti (su un milione e mezzo totali), cioè quasi 32mila toscani per una media rimborsi di circa 162 euro sulla bolletta annuale. Nel corso del 2017 sono previsti tali sconti nelle bollette del servizio idrico integrato dei cittadini toscani, per un impiego di risorse dell’1% del fatturato generale di tutte le aziende di gestione del servizio idrico. L’Autorità Idrica ha approvato un regolamento che permette a tutti i Comuni della Regione di poter disporre di fondi per il rimborso di almeno un terzo della spesa annua degli utenti, fino quasi al rimborso completo (in casi eccezionali in cyui il Comune abbia poche richieste da parte dei propri cittadini). Il rimborso di parte della bolletta sarà a disposizione delle utenze svantaggiate, cioè di coloro che presenteranno una dichiarazione Isee al proprio Comune di residenza, entro i termini del bando che ciascun ente locale toscano è tenuto ad attivare. Il direttore generale Alessandro Mazzei ha dichiarato: “Sono le agevolazioni tariffarie che l’Autorità Idrica Toscana ha deciso per le utenze deboli e che sono state salutate con grande favore da tutti i sindaci e delle associazioni dei consumatori. In periodi di difficoltà economiche Ait ha voluto dare un aiuto alle famiglie che sono rimaste indietro, sperando di alleviare un po’ il peso della crisi”. I bandi saranno deliberati da ciascun Comune con scadenze, mobilità e disponibilità economiche differenti da zona a ...

Read More »

MAZZEI (AIT): I PRIVATI NELLA GESTIONE DELL’ACQUA? A QUESTO PUNTO POTREMMO ANCHE FARNE A MENO …

lungarno torrigiani AIT

Il direttore dell’autorità Idrica Toscana: i capitali messi dai privati nella gestione del servizio sono finiti, ora i soldi si prendono dalle banche, dunque li potrebbero prendere direttamente i comuni… Cucù il privato non c’è più. Almeno non sembra più esserci l’esigenza di averli nella gestione del servizio idrico. La novità, a qualche anno dal referendum del 2011, ‘sgorga’ è proprio il caso di dirlo, dalle riflessioni di Alessandro  Mazzei, direttore dell’AIT, ovvero l’autorità l’Autorità Idrica Toscana  l’ente pubblico rappresentativo di tutti i comuni toscani, al quale sono attribuite  le funzioni di programmazione, organizzazione e controllo sull’attività di gestione del servizio idrico integrato, tra le quali il compito di fissare  le tariffe per il servizio in tutta la regione. Tariffe che, per latro, in Toscana sono sempre state molto ma molto care. La corsa al rincaro, iniziata negli anni passati in Toscana prima che in altri territori del Paese, non si è infatti mai arrestata, tanto che anche lo scorso anno l’indagine promossa da Federconsumatori valutava che tre gestori toscani, quelli di Pisa, Siena e Grosseto, occupavano il podio dei più cari in Italia, ma nelle prime dieci piazze erano ben sei le province toscane, Firenze compresa. E come se non bastasse nel 2015 le bollette nei 10 capoluoghi della Toscana sono aumentate ovunque del 6-7%, largamente al di sopra dell’aumento generale del costo della vita. Mentre altri dati, come quello della dispersione della risorsa idrica, che nella regione supera il 37%, sono – secondo Federconsumatori – sopra la media. Se per ...

Read More »

ACQUA: DISAGI PER LAVORI A FIRENZE DOMANI E VENERDI’

acqua

Forti abbassamenti di pressione e mancanze d’acqua nell’intero Comune di Firenze potranno registrarsi a partire dalle ore 22.00 di giovedì 20 alle ore 6.00 di venerdì 21 ottobre. E’ quanto comunica Publiacqua in una nota spiegando che nelle stesse ore verrà effettuato un intervento “indispensabile” sulla rete idrica di piazza Demidoff, lavori che riguardano il cantiere di Lungarno Torrigiani. Abbassamenti di pressione e temporanee mancanze d’acqua potranno però interessare, nelle stesse ore, spiega ancora la società che gestisce l’acquedotto, anche i Comuni che ricevono un’integrazione di acqua diretta dall’impianto fiorentino e quindi: Bagno a Ripoli, Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Pistoia, Fiesole, Calenzano e Prato. E gli stessi fenomeni potranno aversi anche a Impruneta e San Casciano Val di Pesa. Intanto nell’aretino sono stati registrati disagi in particolare nelle ore serali, a Faella e in altre zone vicine del comune di Castelfranco Piandiscò, come Stagi e Montecarelli. Acqua che nei rubinetti arriva a singhiozzo, da domenica sera.  Publiacqua spiega che un primo intervento di riparazione è stato effettuato lunedì, ma non è stato sufficiente:  un nuovo guasto sulla rete dell’acqua si è verificato nella mattina di oggi, mercoledì, e ha portato con sé altri problemi. I tecnici sono intervenuti per risolvere il problema.

Read More »

PRATO: 1,2 MILIONI PER LAVORI A RETE IDRICA

prato

Publiacqua e Commissione Ambiente hanno fatto il punto sulle opere eseguite. Diminuite le perdite occulte e recuperati 200 litri al secondo di acqua L’incremento dell’attingimento dalla falda è ulteriormente aumentato ed oggi quest’acqua rappresenta circa il 50% di quella immessa in rete, riducendo l’integrazione da Firenze ed aumentando la potenziale autonomia idrica della città di Prato. Inoltre, se per servire la città di Prato a settembre 2015 era necessaria una portata giornaliera di oltre 1000 l/s, infatti, nell’estate 2016 la portata giornaliera necessaria è calata a circa 820 l/s. Insomma, più efficienza, meno perdite e pressioni adeguate garantiscono un servizio continuo a tutta la città a fronte di un minor impiego di risorsa. Presenti all’incontro con la stampa Filippo Alessi, Assessore all’Ambiente del Comune di Prato, Simone Barni Vice Presidente di Publiacqua, ed i tecnici dell’azienda che stanno lavorando sul territorio. “Publiacqua ha fatto investimenti importanti su Prato, conseguendo un generale miglioramento, soprattutto contro le perdite occulte di acqua e il recupero della risorsa di ben 200 litri al secondo che abbassano la quota del fabbisogno dell’area pratese rendendo il sistema più stabile – ha detto l’Assessore all’Ambiente Filippo Alessi – Migliora anche la qualità dell’acqua grazie al sistema di filtri a carboni attivi presso l’Impianto di Falda 1. L’obiettivo comune adesso è incrementare la capacità di utilizzo della falda pratese e il prelievo per rendere sempre più autonomo il territorio pratese”. Soddisfatto anche il Vicepresidente di Publiacqua Simone Barni. “Il lavoro che stiamo facendo su Prato è importante e, ...

Read More »

VORAGINE LUNGARNO: UNITA’ DI CRISI IN PALAZZO VECCHIO

VORAGINE

?Sono stati invitati a uscire dalle loro case gli abitanti di due degli antichi palazzi che si affacciano su lungarno Torrigiani in seguito alla voragine causata dalla rottura della conduttura dell”acqua. Lo ha reso noto il sindaco Dario Nardella spiegando che il provvedimento è solo a scopo precauzionale, cautelativo e per effettuare al meglio i controlli: dai rilievi di vigili del fuoco e genio civile non risultano al momento infiltrazioni nelle cantine dei due palazzi. “Ho già sentito il responsabile della Protezione Civile Fabrizio Curcio e sono in contatto con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Luca Lotti”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, durante un breve briefing con i giornalisti sul Lungarno Torrigiani dove questa mattina si è verificata la voragine sul Lungarno. Due rotture, la più grave delle quali ha interessato la ”dorsale” dell’acquedotto sulla riva sinistra dell’Arno, ovvero la conduttura principale per l’Oltrarno, provocando poi stamani la voragine che ha squassato il lungarno Torrigiani. E” quanto spiegato dai vigili urbani e dallo stesso sindaco Dario Nardella, che dalle 7 si è recato sul lungarno per verificare di persona la situazione. In conseguenza del primo guasto, verificatosi intorno alla mezzanotte e che avrebbe fatto saltare un tombino, il lungarno era stato anche chiuso, spiegano i vigili urbani, ed era stata avvisata Publiacqua, la società che gestisce l”acquedotto. Non viene escluso al momento che se Publiacqua ha poi chiuso l’afflusso dell’acqua per il primo guasto possa essersi verificato una “sovrappressione” su altre tubature, un “colpo d”ariete” viene ...

Read More »

ACQUA TOSCANA: ARPAT, RADDOPPIO RESIDUI DI FITOFARMACI

ACQUA

Aumentano i residui di fitofarmaci nelle acque toscane destinate alla produzione di acque potabili: gli esiti del monitoraggio condotto da Arpat nel 2015 sulle acque ‘grezze’, che normalmente sono sottoposte a specifici trattamenti di potabilizzazione prima della loro immissione in rete, confermano un incremento di analisi con presenza di residui superiore ai limiti di quantificazione analitica, alcuni dei quali con valori di concentrazione superiore al 50% del valore limite per le acque potabili (0,10 microgrammi per litro). La percentuale di campioni con residui di fitofarmaci in concentrazione maggiore di 0,05 microgrammi per litro è passata dal 5,5% nel 2013 al 9,5% nel 2015. Sono 28 le stazioni di monitoraggio dei corpi idrici interessati nell’ultimo triennio da analisi con concentrazioni di fitofarmaci superiore o uguale a 0,1 microgrammi per litro. Secondo l’Arpat “tali risultati non devono allarmare, ma tuttavia indurre da un lato a valutare azioni preventive per garantire un uso sostenibile dei prodotti fitosanitari in aree a rischio, dall’altro a mantenere un grado di controllo elevato sulla qualità dell’acqua erogata da parte dei gestori del Servizio idrico Integrato e delle Aziende sanitarie locali”. In generale, i controlli di Arpat sui fitofarmaci nel 2015 hanno riguardato circa 90 stazioni dei monitoraggio delle acque superficiali e circa 190 per le acque sotterranee. Gli esiti del monitoraggio 2015, in linea con l’anno precedente, indicano che la presenza di residui di fitofarmaci nelle acque riguarda per le acque superficiali circa il 95% delle stazioni controllate che corrisponde al 33% delle stazioni di monitoraggio totali, ...

Read More »