Vento forte, oggi allerta arancione a Firenze

allerta

Codice giallo, invece, per rischio neve. Attiva la sala operativa della protezione civile del Comune

Doppia allerta oggi a Firenze: arancione per il vento forte e gialla per la neve. Il centro funzionale regionale ha emesso, per la zona che riguarda anche la nostra città, il bollettino di valutazione delle criticità con cui stabilisce codice giallo dalla mezzanotte alle 8 di lunedì 13 novembre e codice arancione dalle 8 alla mezzanotte di martedì 14 novembre per rischio vento e codice giallo dalle 8 alla mezzanotte di martedì per rischio neve. L’allerta riguarda, oltre Firenze, anche i Comuni di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa.
La sala operativa della protezione civile del Comune di Firenze è stata attivata per monitorare costantemente l’evoluzione delle condizioni meteo.

Norme di comportamento all’aperto – Evitare le zone esposte, guadagnando una posizione riparata rispetto al possibile distacco di oggetti esposti o sospesi e alla conseguente caduta di oggetti anche di piccole dimensioni e relativamente leggeri, come un vaso o una tegola; evitare con particolare attenzione le aree verdi e le strade alberate. L’infortunio più frequente associato alle raffiche di vento riguarda proprio la rottura di rami, anche di grandi dimensioni, che possono sia colpire direttamente la popolazione che cadere ed occupare pericolosamente le strade, creando un serio rischio anche per motociclisti ed automobilisti.
Norme di comportamento in ambiente urbano – Se ci si trova alla guida di un’automobile o di un motoveicolo presta particolare attenzione perchè le raffiche tendono a far sbandare il veicolo, e rendono quindi indispensabile moderare la velocità o fare una sosta; prestare particolare attenzione nei tratti stradali esposti, come quelli all’uscita dalle gallerie e nei viadotti; i mezzi più soggetti al pericolo sono i furgoni, mezzi telonati e caravan, che espongono alle raffiche una grande superficie e possono essere letteralmente spostati dal vento, anche quando l’intensità non raggiunge punte molte elevate. In generale, sono particolarmente a rischio tutte le strutture mobili, specie quelle che prevedono la presenza di teli o tendoni, come impalcature, gazebo, strutture espositive o commerciali temporanee all’aperto, delle quali devono essere testate la tenuta e le assicurazioni.
Norme di comportamento in casa – Sistemare e fissare opportunamente tutti gli oggetti che nella tua abitazione o luogo di lavoro si trovino nelle aree aperte esposte agli effetti del vento e rischiano di essere trasportati dalle raffiche (vasi ed altri oggetti su davanzali o balconi, antenne o coperture/rivestimenti di tetti sistemati in modo precario, ecc.).

Previsione fino alle 24 di oggi:
Oggi, domenica, minimo in formazione tra Golfo del Leone e Golfo Ligure per l’approssimarsi di una perturbazione dal nord Europa. Domani, lunedì, perturbato per la presenza di un profondo minimo sul nord Italia (996 hPa) alimentato da aria molto fredda ed instabile in lento spostamento verso sud-est; accentuato calo termico, intense correnti settentrionali e abbondanti nevicate fino a quote collinari in Appennino.
PIOGGIA: dal pomeriggio di oggi, domenica, possibilità di precipitazioni sparse generalmente di debole intensità, con cumulati medi non significativi e massimi puntuali fino a 10-15 mm. A partire dalle ore notturne e le prime ore di domani, lunedì, intensificazione delle precipitazioni che potranno risultare anche a carattere di rovescio o temporale. Dalla tarda mattinata le precipitazioni tenderanno a risultare più diffuse e persistenti in Appennino (in particolare sui versanti emiliano-romagnoli), mentre saranno sparse e più intermittenti altrove. Le precipitazioni tenderanno già nel corso della mattinata ad assumere carattere nevoso oltre 600-700 metri di quota.
Cumulati previsti per la giornata di domani, lunedì: lungo la dorsale appenninica medi fino a 20-30 mm, massimi fino a 50-60 mm (cumulati localmente superiori sui versanti emiliano-romagnoli, ma sotto forma di neve). Altrove cumulati fino a 10-20 mm e massimi fino a 40 mm in concomitanza dei rovesci temporaleschi più intensi (intensità oraria fino a 20 mm/h).
TEMPORALI: A partire dalle ore notturne e le prime ore di domani, lunedì, possibili temporali sparsi, possibili su tutta la regione, più probabili sulle zone appenniniche settentrionali e occidentali della regione.
VENTO: Oggi, domenica, rinforzo dei venti da ovest su costa livornese, alta Maremma, crinali appenninici e sottovento ad essi. Raffiche fino a 60-70 km/h. Dalle prime ore di domani, lunedì, rotazione e ulteriore rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali su tutta la regione. Raffiche fino a 100-120 km/h in Appennino, fino a 80-100 km/h possibili su tutta la regione.
NEVE: Già a partire dalle prime ore di domani, lunedì, nevicate inizialmente attorno ai 1000 metri in rapido abbassamento di quota (quota neve generalmente attorno a 600 metri, localmente inferiore sui versanti emiliano-romagnoli). Accumuli a quote collinari abbondanti (20-30 cm) o localmente molto abbondanti (anche oltre 50 cm) sulle zone appenniniche, in particolare sull’alto Mugello e versanti emiliano-romagnoli delle province di Pistoia e Arezzo. Accumuli fino a poco abbondanti (5 cm) a quote di collina (attorno a 600 metro o temporaneamente inferiore) altrove.
GHIACCIO: nulla da segnalare.

Per informazioni sui fenomeni previsti:
http://www.regione.toscana.it/allertameteo
http://www.cfr.toscana.it
Per informazioni sui rischi e su come comportarsi:
http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_cosa_fare_idrogeologico.wp?contentId=APP29842
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-vento

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments