Universitari a Palazzo Vecchio, notti fiorentine: “vogliamo essere ascoltati”. Comune disponibile

movida

Universitari: “Sulla movida ascoltate anche noi”, così tre sigle studentesche dell’università di Firenze hanno scritto una lettera per chiedere all’amministrazione comunale fiorentina di essere considerati interlocutori in rappresentanza delle migliaia di giovani che rappresentano.

“Avete incontrato i rappresentanti dei residenti, ci siamo anche noi. E vogliamo dire la nostra al tavolo” invocano Csx (Centro sinistra per l’università), Udu e gli indipendenti di Psi. Chiedono trasporti efficienti, la tramvia notturna e i bussini. Ma anche spazi, sociali e culturali: “La positiva esperienza dei locali sui lungarni va ripetuta, dal nostro punto di vista ma servono punti di ritrovo in più piazze possibili, anche in periferia”. Ribadisce ai microfoni di Chiara Brilli Mirko Brogi a nome del Csx.

“Ascolteremo gli studenti con grande interesse. In questi anni li hanno dipinti come untori. Sono tutt’altro e lo hanno dimostrato” risponde all’appello l’assessore alle politiche giovanili e alla città della notte Cosimo Guccione.
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments