Uffizi: sale verde salvia per ‘San Lorenzo’ del Bernini

lorenzo

La scultura del San Lorenzo martirizzato di Gianlorenzo Bernini (1598-1680) è protagonista delle nuove sale color verde salvia al primo piano degli Uffizi che accolgono le opere della collezione Contini Bonacossi.

I nuovi spazi, allestiti ed aperti grazie al sostegno di Amici degli Uffizi e Friends of the Uffizi Galleries, inseriscono nel percorso ordinario del museo le opere del prestigioso lascito, fino a poco tempo fa accolte in una parte della galleria separata e visitabili solo appositamente su prenotazione, sostituendo di fatto quelle che negli ultimi anni erano state le sale blu dei pittori stranieri.

Tra i capolavori esposti nelle stanze salvia, oltre al San Lorenzo, la Madonna della neve del Sassetta, il San Girolamo di Giovanni Bellini, la pala del Bramantino, il Ritratto di Giuseppe da Porto col figlio del Veronese (attualmente però in prestito per una mostra), opere di Velazquez, Goya, Crespi. La donazione del conte Alessandro Contini Bonacossi, formalizzata grazie ad un decreto dell’allora presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, portò in dono a Firenze 144 fra dipinti, sculture, ceramiche e mobili.

Nel 1974 la ‘Donazione’ fu esposta a Palazzo Pitti, dove è stata accessibile fino al 1998. Quindi fu collocata in alcuni locali di proprietà della Galleria degli Uffizi, in via Lambertesca. In questa sede rimase visitabile, come era a Palazzo Pitti, solo su appuntamento, e con visita guidata. Nel 2011, con l’avanzamento dei lavori per i Nuovi Uffizi, questi spazi furono connessi con il percorso principale del museo, ma rimase, sempre per la mancanza di personale, il limite delle visite solo per appuntamento, e per occasioni speciali. Ora, dopo 49 anni, tale tesoro entra a far parte pienamente e in pianta stabile del percorso degli Uffizi.

Gimmy Tranquillo ha intervisto il direttore della galleria Uffizi, Eike Schmidt:

avatar