Ven 19 Lug 2024

HomeToscanaCronacaSalviamo Firenze, il comitato diffida il sindaco Nardella: "Firmi il decreto di...

Salviamo Firenze, il comitato diffida il sindaco Nardella: “Firmi il decreto di autorizzazione”

Il termine entro il quale il sindaco Dario Nardella avrebbe dovuto provvedere a firmare il decreto per l’inizio della raccolta firme è scaduto il 2 giugno e così il comitato Salviamo Firenze ha inviato una lettera di diffida formale al primo cittadino.

“Il solo organo che può far sospendere l’iter referendario è il Collegio degli Esperti”, sottolineano Alberto Mariani e Massimo Torelli, del comitato promotore del Referendum Salviamo Firenze, “quindi non c’è nessuna dichiarazione a mezzo stampa e nessuna delibera di auto-osservazioni della Giunta che si possano ritenere un motivo valido alla mancata pubblicazione dell’atto che autorizza il processo di raccolta delle firme”.

“Siamo di fronte ad un’inaccettabile tattica dilatoria e a una lesione di un diritto democratico , per questo abbiamo trasmesso la diffida a procedere anche al Prefetto” chiarisce Alberto Mariani, “occorre tutelare il diritto di espressione dei cittadini su un tema tanto delicato, mettendoci nelle condizioni di poter iniziare la raccolta delle firme, perché l’estate non aiuta e tutto dovrà svolgersi prima della fine della consiliatura, quindi entro pochi mesi”.

Secondo il comitato gli atti della Giunta (dalle delibere, alle recenti dichiarazioni, fino al mancato “decreto” per le firme) sarebbero in tutto e per tutto un’iniziativa figlia del timore della partecipazione cittadina, promossa dal Comitato promotore del referendum che, con decine di gazebo in città nei prossimi mesi, avrebbe favorito il confronto tra i cittadini e le cittadine su in tema di cui la città vuole parlare, come i prezzi dell’abitare a Firenze o la difficoltà di trovare un alloggio dignitoso.

“Se fossero realmente convinti che le politiche urbanistiche vadano profondamente riviste le azioni da parte della Giunta e del Sindaco sarebbero certamente diverse, al di là della polemica con il Governo, basato su iniziative del Comune di Firenze evidentemente insufficienti a contrastare il fenomeno” sottolinea Torelli di Salviamo Firenze. “La partecipazione popolare stimolata dalla nostra iniziativa potrebbe essere un vantaggio per lo stesso Consiglio comunale. Pensare di sostituirla con comunicati e conferenze stampa non è solo miope, ma inaccettabile e sbagliato”.

Per questo il Comitato referendario Salviamo Firenze rilancia l’appuntamento alla cittadinanza di venerdì 9 giugno in Piazza de’ Ciompi alle 17.00 dal titolo molto chiaro “Nardella perchè hai paura e blocchi la partecipazione popolare? Facci Firmare. Noi ci contiamo”

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)