Rifrediamo: l’app per riscoprire il quartiere di Firenze, al via crowdfunding 

Rifrediamo
Ph. DuccioPaoli

“Rifrediamo” è un progetto di rigenerazione urbana che grazie alla tecnologia e al coinvolgimento dei giovani under 18 mira realizza un percorso multimediale alla scoperta dei luoghi simbolo del Quartiere 5. La campagna di raccolta fondi parte oggi, lunedì 8 febbraio, su Eppela (www.eppela.com/rifrediamo).

Nasce l’app per riscoprire il quartiere di Rifredi con la realtà aumentata. Si tratta di “Rifrediamo” il progetto di rigenerazione urbana che grazie alla tecnologia e al coinvolgimento dei giovani under 18 mira alla creazione di un percorso multimediale alla scoperta dei luoghi simbolo del Quartiere 5. Per sostenere la realizzazione del progetto a partire da lunedì 8 febbraio sarà possibile partecipare al crowdfunding facendo una donazione sulla piattaforma Eppela (www.eppela.com/rifrediamo).

Il progetto, che vede coinvolta Macramè, cooperativa sociale che da anni si occupa di progettualità rivolta ai giovani e ai loro bisogni, è realizzato all’interno dell’iniziativa Social Innovation Jam 2 promossa da Fondazione CR Firenze, all’interno di Siamosolidali, in collaborazione con Impact Hub Firenze e Feel Crowd. L’iniziativa nasce per favorire la reciproca contaminazione tra il mondo non profit e le nuove generazioni: a partire da una sfida organizzazioni e giovani under 35 hanno progettato insieme in questi mesi una nuova soluzione sociale, trasformandola poi in campagna di crowdfunding.

L’obiettivo economico grazie al quale sarà possibile finalizzare il progetto è di 6.000€ e al raggiungimento di questa cifra, Fondazione CR Firenze raddoppierà il budget. I fondi raccolti serviranno per la realizzazione dell’app, di cui si occuperà l’azienda fiorentina Officine Valis, esperta nella realizzazione di applicazioni in realtà aumentata, e alla realizzazione di tutto ciò che serve per l’allestimento del percorso di realtà aumentata, che si conta di inaugurare a giugno 2021.

Dalla statua con la scimmia in piazza Tanucci, all’arciere in piazza Dalmazia; dallo storico Teatro di Rifredi al polo Impact Hub, dal murale dedicato a Nelson Mandela fino al memoriale per i caduti della Prima Guerra Mondiale. Queste saranno alcune delle tappe del percorso multimediale, che diventerà una mostra a cielo aperto permanente, svelando il fascino di un quartiere ricco di storia (laddove sorgevano le vecchie Dogane) e al contempo carico di modernità (punto di incontro di giovani, polo universitario).

Con l’app, attraverso il proprio smartphone, sarà possibile inquadrare i luoghi individuati dai ragazzi di Porto delle Storie, scuola di scrittura per giovani dell’associazione Macramè, e scoprire così, grazie alla realtà aumentata, i punti di interesse com’erano, come saranno o come sono stati. Grazie alla app, inoltre, si potranno ascoltare aneddoti e curiosità in compagnia degli attori Alessandro Riccio e Gaia Nanni che daranno voce alle storie del quartiere. Il progetto è stato pensato dal team composto da Macramè e Agnese Giorgetti, Giulia Guastalegname, Lucia Pandolfo e Martina Giorgi.

Una foto del progetto. Fonte ufficio stampa

La campagna di crowdfunding durerà 40 giorni, al termine della quale, in primavera, partiranno i laboratori della fase residenziale del progetto, in cui i ragazzi raccoglieranno le testimonianze del quartiere e scriveranno le storie che saranno la voce narrante del percorso multimediale. A maggio partirà la realizzazione dell’app in virtual reality e a giugno ci sarà la creazione e l’allestimento del percorso, a cui seguirà una festa di inaugurazione del progetto. Grazie a questa iniziativa le principali realtà associative del quartiere di Rifredi avranno modo di fare rete tra loro e promuoversi all’esterno coinvolgendo turisti e curiosi per il suo valore culturale e innovativo.

“Abbiamo deciso di partecipare a questa sfida – dichiara Alessandro Guarducci, presidente di Macramè Cooperativa Sociale – perché crediamo molto nei giovani e nel loro potenziale. La rigenerazione sociale dei quartieri deve passare dalla partecipazione dei ragazzi e delle ragazze, dalle loro storie, dalla loro capacità di leggere e interpretare la contemporaneità e a maggior ragione in un quartiere storico come quello di Rifredi. Per fare questo, abbiamo deciso di utilizzare l’esperienza del crowdfunding come strumento sociale, provando a produrre una app di realtà aumentata da donare al quartiere e che sia in grado di raccontare Rifredi con nuovi occhi e parole”.

Una foto del progetto. Fonte ufficio stampa

“Con l’iniziativa Social Innovation Jam, la Fondazione si è posta l’obiettivo di fornire gli strumenti per creare innovazione nel Terzo Settore – afferma Gabriele Gori, Direttore Generale di Fondazione CR Firenze -. Ringrazio Macramè per aver accolto questa sfida e i giovani per aver contaminato e arricchito questo percorso con le proprie competenze. Spetta ora alla comunità fare la propria parte per trasformare l’idea in cui ha creduto questo team in realtà. La Fondazione si augura che la partecipazione sia la più ampia possibile”.

  

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments