Mer 19 Giu 2024

HomeToscanaPolitica🎧 Renzi: "Se Schlein perde Firenze rischia di perdere il Nazareno"

🎧 Renzi: “Se Schlein perde Firenze rischia di perdere il Nazareno”

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Renzi: "Se Schlein perde Firenze rischia di perdere il Nazareno"
Loading
/

Ancora un Renzi che spara a zero su Nardella e alza la posta del possibile dialogo col Pd in vista delle amministrative. A Firenze “non vedo nessun riavvicinamento. Se Elly Schlein perde Firenze, rischia di perdere il Nazareno. Fossi in loro un pensierino ce lo farei. In più aggiungo che ci sono degli errori che sta compiendo Palazzo Vecchio”. Lo ha detto il senatore e leader di Italia Viva, parlando alla Giunti Odeon in occasione della presentazione di un libro nell’ambito di Pitti. E poi il multificio, il ‘rabbercio’ dello stadio, un sindaco in scadenza che guarda a Bruxelles e “si occuperà di altro” ed a proposito del libro di Vannacci al Poggio Imperiale anche in quel caso Renzi non manca di tirare una frecciata a Nardella. (ASCOLTA AUDIO)

A Firenze tra Pd e Iv “non vedo nessun riavvicinamento. Mi sembra che stia emergendo chiara la valutazione del fatto che se Elly Schlein perde Firenze, rischia di perdere il Nazareno. Fossi in loro un pensierino ce lo farei. In più aggiungo che ci sono degli errori che sta compiendo Palazzo Vecchio”. Lo ha detto il senatore Matteo Renzi, leader di Italia Viva, parlando con i giornalisti a Firenze a margine della presentazione del libro “Le avventure di un innovatore” di Federico Marchetti.
“La cosa delle multe in città è inguardabile – ha sostenuto Renzi – Nel 2008-2009 con il sindaco Domenici eravamo tra i 48 e i 49 milioni di euro, poi arrivammo a un certo punto a 50 milioni di euro, e tutti i giornali parlarono di record di multe con Renzi. L’anno scorso sono stati 113 milioni, e quest’anno ho visto che in bilancio ne hanno messi 130. Così non va. Non puoi fare cassa con quelli che vanno a 51 all’ora sui viali, e soprattutto allora i soldi li devi mettere sulla sicurezza stradale”.
“La stessa cosa – ha aggiunto Renzi – vale dal punto di vista amministrativo sui rilievi che abbiamo fatto più volte ad esempio sullo stadio. Di questi temi vorrei che si parlasse perché altrimenti il rischio è quello di perdere Firenze. Non credo che Elly Schlein voglia perdere Firenze. Le auguro di non commettere questo errore”.
E a proposito di stadio ha aggiunto: “E’ un rabbercio che non sta in piedi, credo che dentro il suo cuore lo sappia anche Nardella. Comunque ormai e’ andata, fra 5 mesi Nardella sara’ a Bruxelles, il problema e’ risolto. Si occupera’ di altro lui e credo alla fine il problema non e’ se la Fiorentina gioca lontano da Firenze, il problema e’ che Nardella quando avra’ finito sara’ lontano da Firenze e ci sara’ un altro sindaco, o sindaca che sara’, e si occupera’ di questa vicenda. Non e’ un tema di Nardella”.
“Sono curioso – sottolinea Renzi – da cittadino di capire come si possano buttare i soldi senza avere la copertura dell’intero importo del progetto. Non si e’ mai visto un progetto che si fa senza avere i soldi. Se voi dovete rimettere apposto casa non e’ che dite che intanto portate i muratori dentro e poi si stara’ a vedere, ma avete un budget di insieme. Qui manca meta’ del budget, non si riesce a capire dove prenderanno i soldi”.
A domanda sulla polemica relativa alla presentazione del libro del generale Vannacci al Poggio Imperiale Renzi sostiene le parole del “consigliere di Firenze democratica Massimiliano Piccioli quando ha detto che non vanno presentati i libri politici all’Educandato della Santissima Annunziata a Firenze. Io sono d’accordo con lui. La stessa cosa forse bisognava ricordarla quando l’ha presentato Dario Nardella il libro”.  “Comunque – conclude Renzi – che Vannacci presenti il libro, quel libro, dentro una scuola, nel momento in cui si sta per candidare con la Lega, mi sembra che abbia una contraddizione. Non si portano i libri dei candidati dentro le scuole. Io non l’ho mai fatto”.

 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)