Rapporto Excelsior sul mercato del lavoro in Toscana

Rapporto Excelsior

🔈Firenze, il 28% di tutte le figure richieste dal mercato del lavoro in Toscana è di “difficile reperimento”, questa una delle caratteristiche qualitative più rilevanti che emergono dai risultati del rapporto Excelsior, riferiti al territorio regionale, presentato oggi presso la sede della Presidenza della Giunta regionale.

Alla presentazione del Rapporto Excelsior è intervenuta l’assessora regionale a Lavoro, formazione ed istruzione, Cristina Grieco e da Claudio Gagliardi, vicesegretario generale di Unioncamere nazionale.

Il progetto Excelsior rappresenta, fin dal 1997, una delle maggiori fonti disponibili sui temi del lavoro e della formazione per conoscere i fabbisogni professionali delle imprese in Italia.

A livello nazionale, nel 2018 le entrate programmate dalle imprese dell’industria e dei servizi sono state pari a circa 4.554.000 unità, comprensive di tutte le forme contrattuali. Tra le caratteristiche qualitative più rilevanti, emerge un significativo incremento della difficoltà di reperimento, che interessa il 26% di tutte le figure richieste, 5 punti in più rispetto al 2017, nonché un innalzamento del livello professionale delle entrate. La quota di dirigenti, specialisti e tecnici raggiunge infatti il 19% del totale, contro i/17,5% del 2017; al tempo stesso, la quota di professioni non qualificate si riduce di 3 punti, al 15%.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessora regionale a Lavoro, formazione ed istruzione, Cristina Grieco e da Claudio Gagliardi, vicesegretario generale di Unioncamere nazionale:

avatar