Gio 20 Giu 2024

HomeToscanaPolitica🎧 Palagi e Poggi (SPC): "San Salvi, gli scout laici pagano al...

🎧 Palagi e Poggi (SPC): “San Salvi, gli scout laici pagano al Comune un affitto a vuoto”

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Palagi e Poggi (SPC): "San Salvi, gli scout laici pagano al Comune un affitto a vuoto"
Loading
/

“Dal 2019 gli scout CNGEI versano nelle casse del Comune 30mila euro l’anno tra lavori, Tari e canone di utilizzo per una sede inutilizzabile”. E’ il duro atto d’accusa del candidato sindaco Dmitrij Palagi, Lorenzo Palandri (SPC) e dei candidati al consiglio comunale Pietro Poggi e al consiglio di quartiere, formulato questa mattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi nell’area degli ex lavatoi di San Salvi.

“Prima la corrente staccata senza avviso, poi una pandemia in cui nonostante la zona rossa veniva chiesto loro di presidiarla contro le occupazioni, poi i lavori fatti per portare la corrente a spese proprie, il tutto mentre intorno l’area veniva lasciata isolata e senza interventi”. “Nonostante gli appelli, le richieste di aiuto e l’interessamento del Quartiere, unica istituzione a cui riconosciamo di essersi attivata, senza successo – spiegano insieme –  il Comune ha preteso dagli scout: affitti, Tari e lavori per un totale di circa 30.000 €, senza che il contratto sia ancora stato rinnovato da allora e sotto la minaccia di ritenerli responsabili per i danni. Tre anni di persone prigioniere in una sede inutilizzabile, ma costrette a pagare, senza supporto e senza aiuto reale dall’amministrazione”.  E adesso oltre al danno, secondo i tre esponenti di Sinistra progetto Comune, arriva anche la beffa. “Dopo i lavori di riqualificazione del giardino di via del Mezzetta – sottolineano ancora – lo stato di abbandono della sede è reso piĂą evidente ed ecco che a inizio 2024 arriva la richiesta da parte degli uffici del comune di murare a proprie spese ogni entrata della sede per evitare occupazioni. Tutto questo in attesa di un progetto per realizzare una fattoria didattica nell’area, senza certezza per il futuro della sede scout. Così dopo decenni in cui la realtĂ  scout ha rappresentato un presidio sociale in un’area ignorata dall’amministrazione, facendo attivitĂ  quando intorno c’era solo spaccio e garantendo la sicurezza e l’utilizzabilitĂ  di questo giardino, oggi la stessa deve farsi carico delle conseguenze di un PD assente, capace di chiedere piĂą divise in strada, ma non di tenere vive le realtĂ  sociali che fanno sicurezza attivitĂ  sociali e creano sicurezza».

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)