Michelangelo costretto abbandono della ‘Pietà’ per difetti marmo

Michelangelo

Firenze, concluso a Firenze il restauro della Pietà di Michelangelo conservata al Museo dell’Opera del Duomo , non finita dal Buonarroti che vi lavorò tra il 1547 e il 1555, e che si ritrasse nell’opera nel volto di Nicodemo.

L’intervento ha confermato per la prima volta che la scultura fu realizzata con un marmo difettoso per la presenza di numerose microfratture, in particolare una sulla base, che potrebbe aver “costretto” Michelangelo ad abbandonare l’opera.

Ipotesi, si spiega, più credibile di quella da sempre tramandata che il grande artista, oramai anziano, scontento del risultato, abbia tentato in un momento di sconforto di distruggerla a martellate: il restauro non ha individuato traccia, a meno che Tiberio Calcagni, che intervenne sull’opera entro il 1565, non ne abbia cancellato i segni. Il restauro sull’opera, conosciuta anche come Pietà Bandini, una delle tre eseguite dal Buonarroti, ha portato anche alla scoperta che l”enorme blocco di marmo su cui è scolpito uno dei capolavori più intensi e tormentati di Michelangelo proviene dalle cave medicee di Seravezza e non di Carrara come ritenuto fino ad oggi.

Il restauro – commissionato dall’Opera del Duomo e reso possibile grazie alla donazione della Fondazione Friends of Florence, affidato a Paola Rosa con la collaborazione di Emanuela Peiretti -, era iniziato nel novembre 2019 e ha subito più di uno stop a causa del Covid. Un cantiere aperto – i visitatori del museo hanno potuto continuare ad ammirare la scultura – che il Museo ha ora deciso di lasciare fino al 30 marzo prossimo, per permettere al pubblico con visite guidate di vedere da vicino e in un modo unico la Pietà restaurata.

Il restauro, da considerare il primo eseguito sulla Pietà (le fonti, si spiega dall’Opera del Duomo, non riportano particolari interventi nel passato se non quello eseguito da Calcagni), ha liberato la scultura “dai depositi superficiali che ne alteravano la leggibilità dell’eccezionale plasticità e la cromia”.

L’obiettivo era di “raggiungere una lettura uniforme ed equilibrata dell’opera, riproponendo l’immagine della Pietà, scolpita in un unico blocco, come probabilmente pensata in origine da Michelangelo”.

Le quattro figure che la compongono sono realizzate in un blocco di marmo alto 2 metri e 25 centimetri, del peso di circa 2.700 kg. Le indagini diagnostiche hanno appunto portato alla scoperta che si tratta di un marmo proveniente dalle cave di Seravezza e non di Carrara, come ritenuto fino ad oggi.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments