Mar 18 Giu 2024

HomeToscanaAmbiente🎧 Maltempo in Alto Mugello: "Chiederemo lo stato di emergenza"

🎧 Maltempo in Alto Mugello: “Chiederemo lo stato di emergenza”

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Maltempo in Alto Mugello: "Chiederemo lo stato di emergenza"
Loading
/

La Regione Toscana chiederà lo stato di emergenza dopo il maltempo che ha colpito l’Alto Mugello. Lo ha annunciato il Governatore Giani dopo un colloquio col ministro Musumeci. La richiesta sarà discussa durante il Cdm straordinario di martedì prossimo.

Nell’Alto Mugello per il maltempo si contano almeno 180 frane. “E non saranno solo queste perché essendo zone a basso presidio umano ci renderemo conto ancora di più degli effetti: ieri sera c’erano 250 persone isolate”. Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, in una conferenza stampa a Firenze. “Le società che gestiscono gli acquedotti – ha spiegato – mi hanno detto che la montagna sta subendo delle modifiche profonde. E tutto questo significa un impegno che ci riporta al caso emblematico della scolaresca o di tanti casolari isolati dove la gente si può raggiungere solo telefonicamente. Ripeto: 180 frane accertate”.

Intanto, secondo quanto reso noto dalla Prefettura di Firenze, a Marradi è terminata ieri l’evacuazione dei 60 ospiti del Centro olistico di meditazione, grazie a un elicottero della flotta dei Vigili del fuoco. La situazione del traffico ferroviario è caratterizzata da criticità riguardanti la tratta Marradi-Faenza a causa di problemi di dissesto situati nel territorio romagnolo. La tratta della rete locale Faentina è aperta fino a Marradi. Sono riaperte la SP32 della Faggiola e la SP 477 direzione Passo della Colla, la SP 610 ‘Montanara Imolese’, la SP58 Piancaldoli.

“La situazione rimane critica e le previsioni non ci aiutano. Ci sono ancora circa 500 persone isolate, è in atto un intenso lavoro di salvataggio e di supporto. Stiamo facendo una stima dei danni – ha detto l’assessora Monni – ma si parla solo per le strade provinciali di alcune decine di milioni di euro. Vorrei ringraziare tutto il sistema di Protezione Civile che sta lavorando in Emilia Romagna, stiamo inviando i nostri volontari e continueremo a farlo. Si parla di una regione che ha fatto tanto per la sicurezza idraulica. Purtroppo i cambiamenti climatici hanno bisogno di risposte eccezionali”

 

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)